domenica 17 aprile 2011

Mc 1,14-20 Convertitevi e credete nel Vangelo.

Vangelo

Mc 1,14-20 Convertitevi e credete nel Vangelo.

+ Dal Vangelo secondo Marco

Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo».
Passando lungo il mare di Galilea, vide Simone e Andrea, fratello di Simone, mentre gettavano le reti in mare; erano infatti pescatori. Gesù disse loro: «Venite dietro a me, vi farò diventare pescatori di uomini». E subito lasciarono le reti e lo seguirono.
Andando un poco oltre, vide Giacomo, figlio di Zebedeo, e Giovanni suo fratello, mentre anch’essi nella barca riparavano le reti. Subito li chiamò. Ed essi lasciarono il loro padre Zebedeo nella barca con i garzoni e andarono dietro a lui.

Parola del Signore
---------------------------------------------
-----------------------------------------------------------------------------------------------------
LA MIA RIFLESSIONE

Preghiera

Padre buono e Santo,manda su di me il tuo Spirito per illuminarmi con la tua parola,fa che io possa seguire a pieno quello che tu mi vuoi concedere di capire.

Gli avvenimenti della storia,proseguono,Gesù,ha appena cominciato a farsi conoscere attraverso le parole di Giovanni il Battista,che subito parla di conversione…non cerca di trascinarsi dietro persone che non vogliono cambiare,ma subito mette davanti a loro quello che sarà tutto il suo messaggio…venite dietro a me,vi guiderò verso la salvezza,ma per fare questo,dovrete abbandonare tutto cio’ al quale siete legati,che vi tiene attaccati a questa terra ,al piacere materiale e vi tiene lontani da Dio.
Ai discepoli che lo seguiranno,chiede di abbandonare tutto e di aiutarlo nella sua impresa ,di riportare gli uomini sulla via della salvezza,e ancora oggi…molti lasciano la famiglia d’origine per seguire Gesù in questa sua impresa,e grazie a questi uomini,noi oggi possiamo ricevere i sacramenti che ci permettono di essere perdonati e riavvicinati al Padre attraverso il Figlio.Non lasciamo che questi uomini combattano da soli al fianco di Gesù,ascoltiamoli e cerchiamo di aiutarli con la nostra testimonianza di figli di Dio,preghiamo per loro,spesso oggetto di attacchi da parte di satana e dei suoi sgherri,e loro aiuteranno noi,in questo scambio reciproco che si chiama amore di Dio.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.