sabato 19 agosto 2017

(Mt 15,21-28) Donna, grande è la tua fede!

VANGELO DI DOMENICA 20 AGOSTO 2017
(Mt 15,21-28) Donna, grande è la tua fede!
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.
Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele».
Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».
Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.
Parola del Signore
  

LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e guidaci all’ascolto della Tua parola, perchè possiamo comprendere quello che è l’insegnamento di Gesù.
Quante volte pensiamo che molti non meritano la salvezza?
Oggi proviamo a leggere questo brano del Vangelo, attribuendo a quelle briciole il perdono del Signore, la salvezza.
Gesù ci vuole indicare che la salvezza non ci viene per diritto, nè per appartenenza , ma è una grazia che per amore ci viene concessa. Ricordiamo la parabola del figliol prodigo, quando l’altro fratello che si era sempre comportato bene, ha un moto di gelosia ed invidia per quel fratello che ha dissipato ogni avere e viene riaccolto e perdonato dal Padre? In questo brano ci porta ancora oltre, concede la salvezza a chi arriva da lontano, a chi non gli è mai stato accanto e lo conosce solo per sentito dire e sa di Lui che è il Dio degli ebrei: “ Signore, figlio di Davide!”
Penso a Paolo, che sentendosi interrogato dagli ateniesi su cosa stesse predicando, rispose loro:
“ Ateniesi, vedo che sotto ogni aspetto siete estremamente religiosi. Poiché, passando, e osservando gli oggetti del vostro culto, ho trovato anche un altare sul quale era scritto: Al dio sconosciuto. Orbene, ciò che voi adorate senza conoscerlo, io ve lo annunzio .”
Ecco chi è Dio, è colui che porta la salvezza; è quello che non appartiene a nessuno per diritto, ma che placa le ricerche di chi non ha ancora trovato pace.
Noi sappiamo come è facile smarrirci tra tutte le nostre idee, ma ci sono dei momenti in cui non sappiamo più a chi chiedere aiuto, ci sentiamo inermi davanti al dolore, come in questo episodio, di una mamma che soffre nel vedere la figlia posseduta dal demonio, ed oggi molti sono i demoni che catturano i nostri figli.
Ecco allora che la preghiera sale dal cuore alle labbra, la preghiera di chi sa di non essere degno neanche di chiedere aiuto: “ Pietà di me “, “ Io non sono degno”, “ io non merito “,“ma non c’è nessuno che veramente sappia amare anche chi è lontano come me”, “non conosco altro Dio che ha pregato per salvare anche i suoi nemici”.
Mi capita spesso di parlare con chi pensa di non credere, e non mi preoccupo molto per loro, perché so che se stanno cercando le briciole del Vangelo e che il Signore vede e provvede anche per loro.

venerdì 18 agosto 2017

(Mt 19,13-15) Non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli.

VANGELO DI SABATO 19 AGOSTO 2017
(Mt 19,13-15) Non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, furono portati a Gesù dei bambini perché imponesse loro le mani e pregasse; ma i discepoli li rimproverarono.
Gesù però disse: «Lasciateli, non impedite che i bambini vengano a me; a chi è come loro, infatti, appartiene il regno dei cieli».
E, dopo avere imposto loro le mani, andò via di là.
Parola del Signore



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA.
Vieni o Santo Spirito e guidaci, prendici per mano come bambini.
Questo brano mi parla personalmente.
Sono stata sempre convinta che i prescelti dal Signore, sono quelli che più sono attaccati dal demonio.
Gravidanze difficili, malattie infantili, incidenti, insomma sembra quasi che debbano lottare per poter vivere, e non poco.
Sono certa che il Signore li protegge e posa le sue mani sante su di loro, anche se non sembra possibile come il demonio, che chiamiamo destino, si accanisca così.
I bambini che oggi purtroppo non vengono più neanche battezzati... non sanno neanche com’è una chiesa... i bambini che vengono tenuti lontani da Dio, come se potessero venire contagiati!





Che tristezza tutto questo... e poi ci chiediamo perché il mondo è così cattivo!

giovedì 17 agosto 2017

(Mt 19,3-12) Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così. 



VANGELO DI VENERDì 18 AGOSTO 2017
(Mt 19,3-12) Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: «È lecito a un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?».
Egli rispose: «Non avete letto che il Creatore da principio li fece maschio e femmina e disse: “Per questo l’uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne”? Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
Gli domandarono: «Perché allora Mosè ha ordinato di darle l’atto di ripudio e di ripudiarla?».
Rispose loro: «Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di unione illegittima, e ne sposa un’altra, commette adulterio».
Gli dissero i suoi discepoli: «Se questa è la situazione dell’uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi».
Egli rispose loro: «Non tutti capiscono questa parola, ma solo coloro ai quali è stato concesso. Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca».
Parola del Signore 



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni Signore mio, con il tuo Santo Spirito a parlarmi di quell’ Amore che ci lega oltre le nostre mancanze, vieni ed insegnaci a farlo parlare per primo al nostro cuore e alla nostra mente.
Non c’è legge che possa superare la legge dell’Amore di Dio, perché l’uomo non è superiore a Lui, e per quanto dica o faccia, alla fine della vita, la creatura tornerà dal suo Creatore e saremo giudicati per quanto saremo stati capaci di amore vero.
É chiaro che quando si parla di amore vero, non ci si riferisce a quello che si arrende davanti alle difficoltà, ma ad un amore che, come quello di Gesù non si ferma davanti al nostro peccato, non arretra davanti alla nostra ingratitudine.
Mosè non vede la terra promessa... leggendo la storia di quest’ uomo di Dio, vediamo che possiamo trovare tanti difetti, e probabilmente già da questo episodio narrato da Matteo, troviamo uno di questi peccati, accettare i compromessi per piacere agli uomini, non saper andare contro la durezza del loro cuore.
In questo brano del Vangelo poi, Gesù si spinge oltre, là dove solo l’amore per Dio può portare, parla infatti di coloro che scelgono di rinunciare a formarsi una famiglia per servire Dio.
Tante volte pensiamo di poter mantenere quello che promettiamo... ma senza l’ aiuto di Dio e con l’intromissione di satana, tutto diventa difficile.
Preghiamo sempre per non essere troppo sicuri di saper vincere le tentazioni, per non cedere ai compromessi con il peccato , per saper rinunciare al nostro orgoglio e perdonare le offese ed i tradimenti, come Dio li perdona a noi.

mercoledì 16 agosto 2017

(Mt 18,21-19,1) Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.

VANGELO
(Mt 18,21-19,1) Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Pietro si avvicinò a Gesù e gli disse: «Signore, se il mio fratello commette colpe contro di me, quante volte dovrò perdonargli? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette volte, ma fino a settanta volte sette. Per questo, il regno dei cieli è simile a un re che volle regolare i conti con i suoi servi. Aveva cominciato a regolare i conti, quando gli fu presentato un tale che gli doveva diecimila talenti. Poiché costui non era in grado di restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, i figli e quanto possedeva, e così saldasse il debito. Allora il servo, prostrato a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”. Il padrone ebbe compassione di quel servo, lo lasciò andare e gli condonò il debito. Appena uscito, quel servo trovò uno dei suoi compagni, che gli doveva cento denari. Lo prese per il collo e lo soffocava, dicendo: “Restituisci quello che devi!”. Il suo compagno, prostrato a terra, lo pregava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti restituirò”. Ma egli non volle, andò e lo fece gettare in prigione, fino a che non avesse pagato il debito. Visto quello che accadeva, i suoi compagni furono molto dispiaciuti e andarono a riferire al loro padrone tutto l’accaduto. Allora il padrone fece chiamare quell’uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto quel debito perché tu mi hai pregato. Non dovevi anche tu aver pietà del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?”. Sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non avesse restituito tutto il dovuto. Così anche il Padre mio celeste farà con voi se non perdonerete di cuore, ciascuno al proprio fratello». Terminati questi discorsi, Gesù lasciò la Galilea e andò nella regione della Giudea, al di là del Giordano.
Parola del Signore

LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito, guida la mia mano, perché io possa scrivere solo quello che per Te è giusto. La legge del perdono è una legge non scritta nel decalogo, ma decisamente pronunciata da Gesù, per chi cercava di fingere di ignorarla. La Bibbia non parla di altro, che dei continui fallimenti degli uomini, e nell’antica legge giudaica, il perdono non era certo contemplato e la giustizia degli uomini somigliava molto più una vendetta : occhio per occhio – dente per dente. Ma Gesù è molto chiaro, se non perdoneremo non saremo perdonati. Non si parla mai del grado dell’offesa, di quanto fosse giusta o meno, anzi visto che ci dice di seguirlo e lasciare la nostra mentalità terrena, l’unico termine di paragone è Lui. Morto ammazzato ingiustamente, con una crudeltà senza pari e fino all’ ultimo chiede perdono per gli uomini di tutti i tempi, a Dio Padre. Padre perdonaci, perché non sappiamo perdonare neanche la più piccola delle offese e perdona chi ci offende con il Tuo perdono che è perfetto. Facci dono della carità senza limiti, della misericordia che abbraccia tutti e dell’amore che non conosce ostacoli. Rendici Padre simili a Gesù Cristo, costi quel che costi, e non tenere conto delle nostre paure ed indecisioni, del nostro orgoglio e dell nostra cocciutaggine. Fa o Padre buono, che capiamo che il perdono è necessario e che dipende solo da noi.

martedì 15 agosto 2017

(Mt 18,15-20) Se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello.

VANGELO
(Mt 18,15-20) Se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello.


+ Dal Vangelo secondo Matteo


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo; se ti ascolterà, avrai guadagnato il tuo fratello; se non ascolterà, prendi ancora con te una o due persone, perché ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni. Se poi non ascolterà costoro, dillo alla comunità; e se non ascolterà neanche la comunità, sia per te come il pagano e il pubblicano.
In verità io vi dico: tutto quello che legherete sulla terra sarà legato in cielo, e tutto quello che scioglierete sulla terra sarà sciolto in cielo.
In verità io vi dico ancora: se due di voi sulla terra si metteranno d’accordo per chiedere qualunque cosa, il Padre mio che è nei cieli gliela concederà. Perché dove sono due o tre riuniti nel mio nome, lì sono io in mezzo a loro».


Parola del Signore



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e donami la tua sapienza, non per mostrarla ma per essere la tua voce.
Uno dei più grandi problemi della società è quello della pace.
La prima cosa che serve per costruire la pace, è l’amore per i fratelli.
Se un fratello sbaglia, e non se ne avvede da solo, possiamo avvisarlo, con delicatezza, a tu per tu,e soltanto a lui,senza parlarne prima con nessuno.
Se ci scolterà e comprenderà subito il suo errore, ci ringrazierà; ma se non dovesse essere così, dobbiamo dargli il tempo di riflettere e non correre a sputtanarlo a destra e a manca.
Questo non sarebbe difficile se la nostra fosse veramente una correzione fraterna, ma troppo spesso non facciamo altro che puntare il dito e giudicare.
Anche la comunità in cui viviamo deve avere un codice di comportamento basato sull’amore, in comunione di preghiera... ma il più delle volte è tutto così falso, così sterile.
La preghiera e l'invocazione allo spirito Santo, rimettono tutto nelle mani del Creatore, risolvono dubbi e affidano al Signore ogni cosa.
Non lasciamo che l’orgoglio, il giudizio, l’ intemperanza vincano sulla fiducia in Dio, e ricordiamoci che se non sappiamo concedere il perdono, non ci verrà perdonato nulla.
Per essere eredi del regno, bisogna essere fratelli di Gesù e Lui ci dice molto chiaramente cosa dobbiamo fare; non facciamo finta di non capire!
Se serbiamo rancore nel cuore e con indifferenza andiamo a fare la comunione, stiamo facendo tutt’altro che quello che ci insegna il Signore, e purtroppo vuol dire che stiamo seguendo un altro maestro, satana.

lunedì 14 agosto 2017

(Lc 1,39-56) Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente: ha innalzato gli umili.

VANGELO
(Lc 1,39-56) Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente: ha innalzato gli umili.
+ Dal Vangelo secondo Luca
In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccarìa, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel suo grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto». Allora Maria disse: «L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome; di generazione in generazione la sua misericordia per quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato i ricchi a mani vuote. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva detto ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.
Parola del Signore 


LA MIA RIFLESSIONE 
PREGHIERA. 

Spirito di Dio, davanti a questa preghiera che è il cantico di gioia di Maria, non oso pregarti con parole, e mi pongo in silenzio all’ascolto, mentre il mio cuore trema. Mi sembra quasi di sentirla Maria... mentre finalmente può gridare la sua gioia,la sua meraviglia! Solo Elisabetta può capirla, perchè anche su di lei è scesa la grazia del Signore, anche lei che tutti dicevano sterile, è incinta perchè il Signore gli ha concesso la grazia. Prima di loro c’ era stata un’ altra donna che tanto aveva sperato nella grazia di Dio,ricordate? (1 Sam. 9-18) Anna, moglie di Elkana, che fa una preghiera meravigliosa chiedendo la grazia di un figlio dice: “ Se mi darai un figlio, ti prometto di consacrarlo per sempre al tuo servizio.” Maria e la Chiesa, Maria è la chiesa, è colei che lotta contro il male, è con la preghiera del rosario che noi chiediamo a Maria di sorreggerci in questa lotta contro il male. Papa Francesco dice che il rosario ha una dimensione “agonistica”, cioè di lotta, e spesso, pregando, sento che la speranza diventa talmente forte da poter essere chiamata certezza, e non perchè il Signore mi accontenta, ma perchè mi rende felicemente consapevole di obbedire alla sua volontà.

domenica 13 agosto 2017

(Mt 17,22-27) Lo uccideranno, ma risorgerà. I figli sono liberi dal tributo.

VANGELO
(Mt 17,22-27) Lo uccideranno, ma risorgerà. I figli sono liberi dal tributo.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, mentre si trovavano insieme in Galilea, Gesù disse ai suoi discepoli: «Il Figlio dell’uomo sta per essere consegnato nelle mani degli uomini e lo uccideranno, ma il terzo giorno risorgerà». Ed essi furono molto rattristati. Quando furono giunti a Cafàrnao, quelli che riscuotevano la tassa per il tempio si avvicinarono a Pietro e gli dissero: «Il vostro maestro non paga la tassa?». Rispose: «Sì». Mentre entrava in casa, Gesù lo prevenne dicendo: «Che cosa ti pare, Simone? I re della terra da chi riscuotono le tasse e i tributi? Dai propri figli o dagli estranei?». Rispose: «Dagli estranei». E Gesù replicò: «Quindi i figli sono liberi. Ma, per evitare di scandalizzarli, va’ al mare, getta l’amo e prendi il primo pesce che viene su, aprigli la bocca e vi troverai una moneta d’argento. Prendila e consegnala loro per me e per te».
Parola del Signore





LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Grande e meraviglioso Dio, che ci doni il tuo Santo Spirito, ti prego, perdonaci se continuiamo ad essere così piccoli, se continuiamo a dire di avere fede e non riusciamo mai a cambiare veramente, se mettiamo davanti a Te tutto e tutti ed abbiamo bisogno di aver paura di averti perduto per tornare a cercarti. Ancora una volta le parole di Gesù sconvolgono i discepoli...il figlio dell’uomo dovrà morire, ucciso da altri uomini, ma risorgerà! Loro hanno visto Gesù resuscitare i morti, ma non hanno compreso bene il mistero, il velo che oscura la comprensione umana è su di loro . Spesso usiamo parole più grandi di noi...diciamo di credere,di avere fede, di essere convertiti...e poi,per trovare Gesù al centro del nostro cuore,dobbiamo scavare parecchio, soffocato com’è da tutto quello che viene prima di Lui. Per Dio non è così, solo il suo cuore è talmente grande da saperci tenere al centro del suo amore, solo Lui ha accettato un destino terribile che non meritava,che non gli apparteneva, perché in nessun modo aveva mai ceduto alle lusinghe del male. Gesù vuole pagare una tassa che non dovrebbe pagare, ma accetta di pagarla per rendere liberi i figli degli uomini , la sua persona non sarà sporcata dal peccato, nè sconfitta dalla morte. Il povero Pietro sempre più sballottato tra le sue idee e quello che Gesù gli dice, ha la possibilità di capire che cosa è la divina provvidenza, trovando la moneta nel pesce, riuscirà a comprenderlo? E noi siamo in grado di capire che Dio non ci abbandona? Alcune cose necessarie per la nostra vita non ci mancheranno mai, dipenderà molto da quello che consideriamo necessario... io ho una grande richiesta da fare a Gesù: Signore aumenta la mia fede!

sabato 12 agosto 2017

(Mt 14,22-33) Comandami di venire verso di te sulle acque.



VANGELO DI DOMENICA 13 AGOSTO 20117
(Mt 14,22-33) Comandami di venire verso di te sulle acque.

+ Dal Vangelo secondo Matteo

[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo.
La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!».
Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?».
Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».

Parola del Signore


LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e porta la sapienza del Signore, per me che scrivo e per chi legge, perché nessuno resti confuso.
Questo brano del Vangelo è stato letto e spiegato in tutti i modi possibili... ma oggi voglio vedere Pietro che ha ripetuto più volte che ama Gesù, ha lasciato tutto per seguirlo.
Lui è quello che Gesù sceglie per guidare la sua Chiesa; non mette in dubbio la sua fede e si butta dalla barca per andare verso Gesù sulle acque.
Nessun altro si lancia, solo lui e per un po’ riesce anche a camminare sull’ acqua, ma poi che succede?
Il vento era forte e si mette paura... anche Pietro, rude e forte, Pietro che era sicuro di aver fatto tutto... comincia ad vere dei dubbi.
La fede non nasce da sola, abbiamo detto spesso che è un dono di Dio e che sta a noi mantenerla viva, conservarla, farla maturare.
Sicuramente non era la preghiera che mancava al povero pescatore, non era la voglia di seguire Gesù, ma forse uno dei suoi errori era quello di pensare di conoscere il mare , proprio perché era il suo elemento.
Ma questo Vangelo ci porta a riconsiderare in che modo ritrovare il Signore, perchè non è nella potenza delle acque, nè nell’ impegno di Pietro, ma proprio in quei dubbi che lo rendono tanto fragile da gridare :” Signore Salvami”
Si Pietro, il Signore è proprio lì, in questi tuoi dubbi, nel fatto che pensavi di stare al sicuro con la tua bella fede certa, nella tua solitudine di fronte al mare mosso.
La solitudine a volte, non è stare soli, ma non poter parlare con nessuno di quello che si ha nell’angolo recondito del cuore, è essersi trasformati da uomini fragili a personaggi che devono rendere conto del proprio modo di comportarsi; è avere il dovere di dare l’esempio.
Quante volte mi sono trovata in questa situazione, quanti dubbi, quanta voglia di scappare davanti a tutte quelle persone che pretendono da me una correttezza morale addirittura esasperante.
Ci si ritrova giudicati per tutto; basta una foto, una barzelletta, una frase per finire nel mirino di chi si è creato di te un’immagine che con niente si distorce.
Ricordo che una volta per aver messo su fb una scenetta di “ricomincio da 3” mi sono sentita dare della blasfema.
E chi non dubiterebbe in questa giungla di tentatori e tentazioni , chi non avrebbe voglia di mollare tutto e lasciarsi andare visto che non si riesce ad essere sempre coerenti, sempre perfetti?
Ma Dio è con noi, peccatori dubbiosi come Tommaso, come Pietro... come chiunque pensa di poter fare da solo...perché quando si ha paura di cadere , si cerca la mano di Dio che ci solleverà.

venerdì 11 agosto 2017

(Mt 17,14-20) Se avrete fede, nulla vi sarà impossibile.

VANGELO
(Mt 17,14-20) Se avrete fede, nulla vi sarà impossibile.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo». E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me». Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito. Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile».
Parola del Signore.








LA MIA RIFLESSIONE PREGHIERA
Ti invoco Santo Spirito, che per potenza divina abbiamo ricevuto, di aiutarci a vivere in santità, per onorare Dio e Dio solo.
Una cosa che mi è subito evidente è come quest’uomo non si arrenda davanti alla prima non riuscita da parte dei discepoli di Gesù…ecco che va alla fonte, si rivolge a Gesù stesso, ed è esaudito. Se la nostra fede fosse così forte…se riuscissimo a non fermarci davanti a niente, se tutti gli ostacoli fra noi è Dio avessero come unico mediatore Gesù Cristo, se noi avessimo fede come un granello di senape…..Ma la nostra umanità è più forte della nostra fede, chiediamo, preghiamo, ci sforziamo di credere sempre di più, ma non raggiungiamo mai quella santità che ci rende veri discepoli di Gesù.I santi, questi sconosciuti, che operano miracoli in vita e dopo, perché riescono ad essere un tutt’uno con Cristo Gesù, sono ancora mille miglia lontani da noi. Leggiamo di loro, ma non riusciamo a penetrarne il segreto della fede, non riusciamo ad abbandonarci a Dio come loro hanno fatto, eppure altro non erano, e non sono, che uomini come noi, e dobbiamo aspirare a diventare anche noi Santi, non per la gloria degli uomini, ma perché nulla potrebbe essere più bello che riuscire ad essere così in comunione con Cristo. Eppure restiamo qui, ancorati alla nostra preghiera stanca e inconcludente, mentre il Signore ci mostra come la vera fede trasfigura. La domanda che cosa dobbiamo fare, non è quella giusta. Signore facci essere come Te, donaci la Tua fede, donaci la potenza del Tuo essere perché possiamo essere solo tuoi, possiamo farti vivere in noi, fa che tutto quello che c’è di così umano e terreno che c’impedisce di raggiungerti, sia spazzato via dal tuo Santo Spirito, e che abbracciati ed uniti a te possiamo farti operare attraverso di noi: Questa forse dovrebbe essere la nostra preghiera, e dovrebbe essere talmente forte e sincera da non tremare di fronte a nulla, da aver paura di non farcela, ma consapevole del “ Sia fatta la Tua volontà ” che ogni giorno diciamo senza neanche rendercene conto.

giovedì 10 agosto 2017

(Mt 16,24-28) Che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita? 

VANGELO
(Mt 16,24-28) Che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita?
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se qualcuno vuole venire dietro a me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vuole salvare la propria vita, la perderà; ma chi perderà la propria vita per causa mia, la troverà. Infatti quale vantaggio avrà un uomo se guadagnerà il mondo intero, ma perderà la propria vita? O che cosa un uomo potrà dare in cambio della propria vita? Perché il Figlio dell’uomo sta per venire nella gloria del Padre suo, con i suoi angeli, e allora renderà a ciascuno secondo le sue azioni. In verità io vi dico: vi sono alcuni tra i presenti che non moriranno, prima di aver visto venire il Figlio dell’uomo con il suo regno».
Parola del Signore


LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA

Vieni o mio Signore, aiutami, con il tuo Santo Spirito infuocami, con il tuo amore guariscimi, con la tua sapienza illuminami e fa che io possa essere per i miei fratelli una lucina... piccolissima lucina che cammina verso Te anima della mia anima. Ti amo!
Andare dietro a Gesù , rinunciare a se stessi, prendere la propria croce... meglio non pensare a cosa significa e a quanto ci costa , anche perché ci confonderemmo pensando che Dio ci chiede grandi cose. Invece quello che dobbiamo cercare di fare, è imparare ad essere fedeli nel nostro piccolo. Resistere alle tentazioni è già un punto di partenza; occuparci di chi soffre, di chi è solo, aiutare, servire! Non dobbiamo cercare la perfezione, né in noi né negli altri, ma mettiamoci in testa che nessuno può essere delegato a fare quello che noi dobbiamo fare, e che non c’ è niente che ci può fermare se siamo pieni di Spirito Santo. Non salveremo mai il mondo, non libereremo l’Africa dalla fame, ma con qualche amica e poco per volta, potremo aiutare dei bambini ad avere una speranza che nessun altro può dargli, perchè ad ognuno di noi è affidato un piccolo della terra. Tutto quello che faremo con e per il Signore, sarà, non solo ben fatto, ma anche ben retribuito. Gesù stesso, fornirà i mezzi per far fronte a tutto ciò, la cosa importante è non arrendersi mai, non farsi distrarre dal mondo e sedurre, o spaventare da chi ci sta intorno, che è contro Dio, ma che è anche nostro fratello, ed è pregando per lui che forse, salveremo la sua e la nostra anima.

mercoledì 9 agosto 2017

(Gv 12,24-26) Se il chicco di grano muore, produce molto frutto.

VANGELO
(Gv 12,24-26) Se il chicco di grano muore, produce molto frutto.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità, in verità io vi dico: se il chicco di grano, caduto in terra, non muore, rimane solo; se invece muore, produce molto frutto. Chi ama la propria vita, la perde e chi odia la propria vita in questo mondo, la conserverà per la vita eterna. Se uno mi vuole servire, mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servitore. Se uno serve me, il Padre lo onorerà».
Parola del Signore




LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA Vieni o Santo Spirito e porta in me la luce, fa che io sappia vedere,sappia ascoltare e sopra ogni cosa, sappia vivere la Tua parola.
Questo brano del Vangelo è sicuramente uno dei più suggestivi, io lo amo da quando ho cominciato a sentirmi seme. Tutto è molto semplice quando il Signore ci fa sentire la sua presenza, quando, come dico io, ci porta in braccio. All’inizio di ogni conversione è un po’ così, ci si sente come gli innamorati, ed il Signore ci insegna come è bello vivere accanto a Lui. Ma c’è sempre un momento in cui ci mette alla prova, ci lascia da soli e vuole vedere come camminiamo. Sconcerto, solitudine, paura...ci sembra di aver perso tutto, di non saper camminare, di non saper più comportarci come prima, quando Lui era con noi. La nostra fede viene messa alla prova, riceviamo scossoni da ogni parte, ed abbiamo la sensazione di sentirci soli, inutili, quasi orfani , vuoti...proprio come un chicco di grano che è caduto lontano dalla spiga. É a questo punto che invece accade il miracolo, quel chicco torna a generarsi, trovando in se stesso la vita ; e così noi, impariamo a risollevarci, a cercare di tornare a quelle sensazioni di gioia e di pace che ci dava l’abbraccio con Gesù. Lo sposo è stato incontrato, ora dobbiamo dimostrare la nostra fedeltà, e poichè sappiamo per certo che Lui è un Dio fedele, impareremo ad aver fede in lui. Tutto quello che Dio ha fatto è per noi, è morto per amore nostro e noi per amore suo, dobbiamo imparare a far morire i nostri egoismi, i vizi, e al loro posto far germogliare le virtù perché prendano definitivamente il loro posto.

martedì 8 agosto 2017

(Mt 25,1-13) Ecco lo sposo! Andategli incontro!

VANGELO
(Mt 25,1-13) Ecco lo sposo! Andategli incontro!
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli questa parabola:
«Il regno dei cieli sarà simile a dieci vergini che presero le loro lampade e uscirono incontro allo sposo. Cinque di esse erano stolte e cinque sagge; le stolte presero le loro lampade, ma non presero con sé l’olio; le sagge invece, insieme alle loro lampade, presero anche l’olio in piccoli vasi. Poiché lo sposo tardava, si assopirono tutte e si addormentarono.
A mezzanotte si alzò un grido: “Ecco lo sposo! Andategli incontro!”. Allora tutte quelle vergini si destarono e prepararono le loro lampade. Le stolte dissero alle sagge: “Dateci un po’ del vostro olio, perché le nostre lampade si spengono”. Le sagge risposero: “No, perché non venga a mancare a noi e a voi; andate piuttosto dai venditori e compratevene”.
Ora, mentre quelle andavano a comprare l’olio, arrivò lo sposo e le vergini che erano pronte entrarono con lui alle nozze, e la porta fu chiusa. Più tardi arrivarono anche le altre vergini e incominciarono a dire: “Signore, signore, aprici!”. Ma egli rispose: “In verità io vi dico: non vi conosco”.
Vegliate dunque, perché non sapete né il giorno né l’ora».
Parola del Signore





LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni Spirito di Dio, nella tua immensa bontà, rivestimi della tua forza per affrontare la prova.


Ecco lo sposo !
Lo abbiamo tanto atteso come completamento della nostra vita ed ora che è giunto il momento che facciamo?
Ci sono sempre vari modi di affrontare le cose, e spesso la nostra vita non sembra essere indirizzata bene; chi non ha sbagliato mai?
Tutti abbiamo vissuto un po’ alla rinfusa senza renderci veramente conto che ogni giorno può essere importante.
La vita è come una macina che il più delle volte ci schiaccia, ma anche se non ce ne rendiamo sempre conto, è una sequenza di piccole scelte.
Alla luce della fede è più facile sapere quello che è giusto e quello che è sbagliato, perché Dio ci ha fornito delle indicazioni precise, che sono l’imput per comprendere e saper discernere.
La parola di Dio è un gran dono, e anche se a qualcuno può sembrare incomprensibile, è lo stesso sposo che ci viene in aiuto.
“Me ne vado, ma non vi lascio soli, il Paràclito, lo Spirito Santo che il Padre manderà nel mio nome, lui vi insegnerà ogni cosa. “
Questo è quello che deve alimentare la nostra lampada, la fiducia che Dio non ci lascerà mai, avremo sempre la sua mano su di noi, anche se in certi momenti non saremo in grado di sentirla.
Teresa Benedetta della Croce , al secolo Edith Stein , ha sicuramente cercato questa luce nel suo cuore, mentre intorno a lei l’orrore della guerra, forse la più terribile della storia del mondo fino ad oggi, faceva pensare che tutto fosse tenebra.
Quali sono i segni che fanno pensare alla fine di questi tempi? Sicuramente nell’ultima guerra c’era talmente tanta crudeltà verso altri esseri umani, che era difficile si potesse pensare a qualcosa di peggio... ma al peggio non c’è mai fine e la storia non ci ha insegnato nulla.
Eppure a quell’orrore si aggiungono gli errori di chi ha letto questa storia, accusando la chiesa cattolica di non aver fatto nulla per aiutare il popolo ebraico, o addirittura di essere complice dei mostri che hanno compiuto tutto questo.
La colpa non è di nessuno se l’uomo compie delle scelte terrificanti, se pensa di poter terrorizzare un altro essere umano minacciandolo di morte.
Nella parola di Dio troviamo conforto, troviamo la luce che indica la via giusta: (Mt. 10,28)
- E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l'anima e il corpo nella Geenna.
Aiutaci Signore a non allontanarci dalla retta via, perché non ci sembri troppo difficile tornare indietro; prendici per mano e sollevaci sul male del mondo, perché non ci nasconda la Tua luce. Fa o Padre buono che riusciamo a non mancare l’appuntamento più importante della nostra vita: l’incontro con lo sposo.

lunedì 7 agosto 2017

(Mt 15,1-2.10-14) Ogni pianta, che non è stata piantata dal Padre mio celeste, verrà sradicata.

VANGELO
(Mt 15,1-2.10-14) Ogni pianta, che non è stata piantata dal Padre mio celeste, verrà sradicata.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, alcuni farisei e alcuni scribi, venuti da Gerusalemme, si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Perché i tuoi discepoli trasgrediscono la tradizione degli antichi? Infatti quando prendono cibo non si lavano le mani!». Riunita la folla, Gesù disse loro: «Ascoltate e comprendete bene! Non ciò che entra nella bocca rende impuro l’uomo; ciò che esce dalla bocca, questo rende impuro l’uomo!». Allora i discepoli si avvicinarono per dirgli: «Sai che i farisei, a sentire questa parola, si sono scandalizzati?». Ed egli rispose: «Ogni pianta, che non è stata piantata dal Padre mio celeste, verrà sradicata. Lasciateli stare! Sono ciechi e guide di ciechi. E quando un cieco guida un altro cieco, tutti e due cadranno in un fosso!».
Parola del Signore

LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito per l’amore che ti unisce a noi, vieni ad illuminare le mie tenebre e fa che dal mio nulla sorga la luce del Signore.
Leggiamo nella prima lettura che Maria e Aronne parlarono contro Mosè, perché per loro costituiva scandalo che avesse sposato una donna straniera, etiope. Anche la famiglia più unita può conoscere la discordia, infatti arrivò il giorno in cui il male spinse la sorella e i due fratelli l’uno contro l’altro. Dio punì Maria con la lebbra, così ci dice l’antico testamento e Mosè intercedette per lei, chiedendo la sua guarigione. Bellissimo questo brano e troppe volte passa inosservata la bontà di Mosè che reagisce alla calunnia pregando per la sorella. Davide è l’autore del salmo 50, forse uno dei più belli, cantato in un momento in cui sinceramente pentito della sua condotta, si rende conto che l’ uomo nasce e vive da peccatore; la macchia del peccato può essere lavata solo dalla misericordia del Signore. Ancora nel Vangelo, i farisei parlano contro i discepoli di Gesù, contestando loro il fatto che, non seguendo le regole dell’ abluzione , prendevano il cibo con mani impure. Certo oggi che la comunione viene trattata con tanta “leggerezza” fanno sorridere certe regole ed è vero che si può mancare di rispetto in moltissimi altri modi, anche meno visibili . Le regole che provocano tanta discordia sono varie, ma tutte nascono dal giudizio. Quel giudizio che spetta solo al Signore, e che troppo spesso mascheriamo usando le parole “correzione fraterna” dopo averne parlato prima con tutti e poi con l’interessato. Mi vengono in mente alcuni fatti recenti: un ragazzo, criticato duramente per aver detto una brutta parola; una donna che nelle calde giornate d’estate era entrata in chiesa con i pantaloncini... La correzione può e deve essere fatta, con l’amore di chi non vuole ferire l’altro, ma aiutarlo a discernere, aiutarlo a crescere, perché tutti siamo peccatori ed il più delle volte, offendiamo molto più il Signore con i nostri giudizi. LA FEDE IN DIO, NON SI MANIFESTA CON LA RELIGIONE, MA CON L’ADDESIONE AL MODO DI VIVERE DEL SIGNORE NOSTRO GESÚ CRISTO.

domenica 6 agosto 2017

(Mt 14,22-36) Comandami di venire verso di te sulle acque.

VANGELO
(Mt 14,22-36) Comandami di venire verso di te sulle acque.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo. La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!». Compiuta la traversata, approdarono a Gennèsaret. E la gente del luogo, riconosciuto Gesù, diffuse la notizia in tutta la regione; gli portarono tutti i malati e lo pregavano di poter toccare almeno il lembo del suo mantello. E quanti lo toccarono furono guariti.
Parola del Signore  






LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Aiutami o Santo Spirito ad ascoltare col cuore la tua parola; a viverla e ad esprimerla, con parole semplici che sappiano penetrare i cuori, per primo il mio, e lascino tracce indelebili.
Incomincio realizzando che la vicinanza con Gesù, non cambia le cose se continuiamo a volere gestire tutto con le nostre idee. I discepoli pensavano che fosse buona cosa rimandare indietro tutta quella gente che era accorsa da Gesù, perché erano stanchi ed affamati, ed il viaggio per tornare nelle loro case era lungo. A nessuno di loro era passato per la mente di chiedere a Gesù cosa fare, e questo è quello che il più delle volte facciamo anche noi, vivendo anche da credenti, come se Dio fosse uno spettatore della nostra vita, da invocare solo nel momento in cui ci rendiamo conto dei nostri limiti, fino a che non facciamo quella che io definisco, l'esperienza del "risorto". Per questo Gesù li costrinse a salire sulla barca ed andare sull’altra riva. Capire chi è Gesù non basta, perché non si può restare spettatori quando lo si è incontrato, ma si deve vincere la paura, la vergogna, e soprattutto certi schemi di ragionamento umani, che ci tengono legati a preconcetti tutti nostri. Gesù non si vive a distanza, ma si vive da dentro, ci si convive, ci si deve sentire incatenati a Lui, altrimenti restiamo spettatori assonnati e spesso assenti. I discepoli che si addormentano, le donne che si addormentano... queste figure mi hanno sempre lasciato sconcertata; come si può dormire, come si può perdere quel contatto meraviglioso! Ma il più delle volte è proprio Gesù che ci costringe a questo, per farci stare coi piedi per terra. Noi senza Dio, navighiamo nella tempesta, abbiamo paura, perdiamo la rotta e non riusciamo a vincere i venti contrari. In queste notti annaspiamo, sperando in qualche miracolo che venga da fuori, da chissà dove, da chissà chi! La fede non è una sensazione esterna, ma come una piantina va seguita, accarezzata, fatta crescere, perché possa far fiorire un modo di vivere diverso. Io ho fede SE Gesù è sempre presente in me, con il Suo modo di vivere e non come spettatore del mio agire.

sabato 5 agosto 2017

(Mt 17,1-9) Il suo volto brillò come il sole. 



VANGELO

(Mt 17,1-9) Il suo volto brillò come il sole.

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro: il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui.

Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Signore, è bello per noi essere qui! Se vuoi, farò qui tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando, quando una nube luminosa li coprì con la sua ombra. Ed ecco una voce dalla nube che diceva: «Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento. Ascoltatelo».

All’udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò, li toccò e disse: «Alzatevi e non temete». Alzando gli occhi non videro nessuno, se non Gesù solo.

Mentre scendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, prima che il Figlio dell’uomo non sia risorto dai morti».

Parola del Signore




LA MIA RIFLESSIONE

PREGHIERA

Vieni Santo Spirito e prendimi con Te, fa di me una cosa Tua, perché Dio possa raggiungermi nell’intimo del mio piccolo cuore.

La trasfigurazione del Signore è una delle pagine più sconcertanti e belle.

Non è dato a tutti di vedere quello che c’è oltre la nostra piccola fede, di avere la piena consapevolezza che tra noi e Dio c’è un qualcosa di invisibile agli occhi ma visibile al cuore.

Questo mistero io lo chiamo esperienza, perché è quello che Gesù fa fare agli apostoli.

Non sempre erano riusciti a capire quale era il fine di Gesù, non erano certi di volerne condividere certi aspetti, come la persecuzione e la sofferenza; vedevano cambiare le cose da un momento all'altro ed erano disorientati.

Era facile seguire Gesù quando la folla lo acclamava, quando compiva miracoli... era un Gesù vincente!

Ma quando vuole andare a Gerusalemme, dove troverà la morte, seguirlo non sarà così scontato.

C’è in lui una forza che non riescono a capire e per questo non lo volle spiegare a parole, ma volle che potessero condividere con Lui quel momento di preghiera, per aiutarli a comprendere che è proprio in questa accettazione di un disegno incomprensibile, ma ben più grande di quello che potevano vedere, che la luce della fede può diventare abbagliante.

venerdì 4 agosto 2017

(Mt 14,1-12) Erode mandò a decapitare Giovanni e i suoi discepoli andarono a informare Gesù.

VANGELO
(Mt 14,1-12) Erode mandò a decapitare Giovanni e i suoi discepoli andarono a informare Gesù.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo al tetrarca Erode giunse notizia della fama di Gesù. Egli disse ai suoi cortigiani: «Costui è Giovanni il Battista. È risorto dai morti e per questo ha il potere di fare prodigi!».
Erode infatti aveva arrestato Giovanni e lo aveva fatto incatenare e gettare in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo. Giovanni infatti gli diceva: «Non ti è lecito tenerla con te!». Erode, benché volesse farlo morire, ebbe paura della folla perché lo considerava un profeta.
Quando fu il compleanno di Erode, la figlia di Erodìade danzò in pubblico e piacque tanto a Erode che egli le promise con giuramento di darle quello che avesse chiesto. Ella, istigata da sua madre, disse: «Dammi qui, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista».
Il re si rattristò, ma a motivo del giuramento e dei commensali ordinò che le venisse data e mandò a decapitare Giovanni nella prigione. La sua testa venne portata su un vassoio, fu data alla fanciulla e lei la portò a sua madre.
I suoi discepoli si presentarono a prendere il cadavere, lo seppellirono e andarono a informare Gesù.
Parola del Signore 



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Spirito di Dio, so di non meritarti, e che mai sarò abbastanza degna di riceverti, ma anche che Tu sei impastato della misericordia di Dio. Assistimi dunque e non contristarti, ma libera il mio cuore come solo tu sai fare, perché possa riempirmi di te.
Leggendo il Vangelo e la prima lettura di oggi, vediamo che c’è una grande differenza dal giubileo proposto da Dio che libera e rimette i debiti, e la schiavitù di Erode che non riesce a dominare la sua bramosia.
Facile lasciarsi convincere dai cattivi consiglieri, quando pensiamo che tutto sia lecito ed il vizio e la lussuria hanno ormai imprigionato il cuore e la mente.
Erode sembra esagerato nel contesto, tagliare la testa di Giovanni il battista per una donna che lo istiga , ma in realtà è facile mettere a tacere le persone che ci consigliano di camminare sulla retta via semplicemente non ascoltandole o eliminandole dalla nostra vita.
La cosa assurda è che, chi è schiavo del peccato, preferisce pensare, che chi segue la legge di Dio, sia schiavo delle sue convinzioni e del suo credo, e rifiuta Dio perché non riesce a vincere sul peccato.



giovedì 3 agosto 2017

(Mt 13,54-58) Non è costui il figlio del falegname? Da dove gli vengono allora tutte queste cose?

VANGELO
(Mt 13,54-58) Non è costui il figlio del falegname? Da dove gli vengono allora tutte queste cose?
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo Gesù, venuto nella sua patria, insegnava nella loro sinagoga e la gente rimaneva stupita e diceva: «Da dove gli vengono questa sapienza e i prodigi? Non è costui il figlio del falegname? E sua madre, non si chiama Maria? E i suoi fratelli, Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda? E le sue sorelle, non stanno tutte da noi? Da dove gli vengono allora tutte queste cose?». Ed era per loro motivo di scandalo. Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria e in casa sua». E lì, a causa della loro incredulità, non fece molti prodigi.
Parola del Signore 

LA MIA RIFLESSIONE
 PREGHIERA
 Vieni o Spirito Santo e aiutami a capire come sentirmi parte di quel popolo che ascolta e vive Gesù. 

Questa pagina del Vangelo mette in risalto quanto, proprio le persone per cui Gesù era venuto, per coloro che presiedevano il culto nel tempio, sia così difficile accettare di aprire il cuore e la mente al Cristo. Sarà che si sentono dotti, che credono di non aver nulla da imparare dalle scritture più di quello che hanno studiato, che invece di facilitarli , gli impedisce di andare oltre. Gesù era entrato lì appena dodicenne e i dottori del tempio si erano meravigliati di tanta sapienza; ma poi che cosa è cambiato? Ora Gesù non si limitava a dire loro quello che era giusto secondo il volere di Dio, non si fermava alla teoria, ma era passato alla pratica, e li spingeva alla pratica nel nome di Dio. La legge di Dio non è solo una legge scritta da imparare a memoria e decantare, ma è adesione alla parola e alla persona che è la parola stessa. "In principio era il verbo,il verbo era presso Dio, il verbo era Dio" Gv 1,1 Ma quando uno non vuole aprire il suo cuore, non permette che il Signore apra la sua mente; tutti coloro che si oppongono a Dio, che gli parlano sopra, non ascoltano la sua voce e si fermano ai loro pre-giudizi. Proprio così fecero i cosiddetti sapienti, che videro in Gesù, solo il figlio del falegname e non riuscirono ad andare oltre. Oggi mi chiedo e vi invito a porvi la stessa domanda: che cosa è cambiato in me da quando Gesù è entrato nella mia vita? Quanto riesco a lavorare su me stessa per far si che la sua parola sia aderente con la mia vita? Comprendo che le parole di Gesù mi riguardano personalmente?

mercoledì 2 agosto 2017

(Mt 13,47-53) Raccolgono i buoni nei canestri e buttano via i cattivi.

(Mt 13,47-53) Raccolgono i buoni nei canestri e buttano via i cattivi.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: «Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche». Terminate queste parabole, Gesù partì di là.
Parola del Signore. 



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito, perché solo di te mi fido e solo a te mi affido; vieni ed aiutami a discernere . Pescatori e pesci mi fanno andare ad una immagine che probabilmente non c’entra niente con questo Vangelo, ma poiché mi affido, continuo a leggere quello che ho dentro al cuore. Nuotare controcorrente è quello che in genere fanno i salmoni quando, dopo un ciclo abbastanza breve della vita, sentono il bisogno di tornare da dove sono venuti, di tornare a casa. Troveranno ostacoli, cascate, pericoli... ma come spinti da una forza superiore, continueranno fino ad arrivare in quei posti dove nacquero da uova faticosamente deposte dalle loro madri e fecondate dai padri. I pesci morti si lasciano trascinare dalla corrente, a differenza di quelli che lottano per la vita. Il collegamento con il brano di oggi, alla fine mi appare chiaro; vivere in maniera diversa da come vivono tutti coloro che si lasciano trascinare dalla corrente, dalle mode, dal peccato. Tutte i pericoli sono le tentazioni, in cui spesso cadiamo tutti quanti, ma essere diversi si può. Penso alle giornate della gioventù, in cui milioni di giovani da tutto il mondo si riuniscono e si ritrovano per ripartire poi da lì, completamente cambiati, sotto la guida dei vari pontefici che si sono succeduti. Non tutti i giovani si riuniscono per sballarsi, per rincorrere la morte; molti e spero sempre di più, si riuniscono per rincorrere la vera vita, per poter poi con il loro esempio,trascinarne altri e portarli in salvo. Il Signore sa, il Signore vede, il Signore provede! A noi la sfida può sembrare perduta in partenza, ma credetemi, io l’ho visto nella mia vita ed in quella di tanti altri amici, quando uno ha Dio per sponsor, difficilmente soccombe! E permettetemi di aggiungere una piccola cosa per chi non riesce a lasciarsi andare a Dio, battezzate i bambini,e pregate il Dio in cui non riuscite a credere...ma non lasciatevi trascinare dalla corrente!

martedì 1 agosto 2017

(Mt 13,44-46) Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

VANGELO
(Mt 13,44-46) Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra».
Parola del Signore  



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito nel mio cuore e nella mia mente e restaci ti imploro,perchè quando mi allontano da te il buio mi assale e mi sovrasta.
“Quando Mosè scese dal monte Sinai – le due tavole della Testimonianza si trovavano nelle mani di Mosè mentre egli scendeva dal monte – non sapeva che la pelle del suo viso era diventata raggiante, poiché aveva conversato con il Signore. “
Questa frase mi colpisce molto, perché mi fa pensare a quei momenti così rari, in cui riesco a stare davanti al Signore , a stretto contatto con Lui e ... si vede!
Anche se è il sogno più grande che coltivo, purtroppo non riesco spesso a godere appieno del tesoro più ambito; dovrei riuscire ad estraniarmi da tutto, dovrei riuscire a perdermi in Dio, ma il più delle volte purtroppo, trovo tutto e perdo Dio.
Mille pensieri si affollano ed impediscono quell’ abbraccio; non sono superficiale nel mio cammino di fede e non amo dirmi bugie, non amo illudermi, e credo che la delusione che leggo nel mio cuore si veda sul mio volto... altro che il volto raggiante di Mosè!
Ed il tesoro resta lì, sotterrato, senza che io possa goderne, senza che il Signore possa arricchirmi, nella mia miseria e nel suo grande amore mal ricambiato!

lunedì 31 luglio 2017

(Mt 13,36-43) Come si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. 



VANGELO
(Mt 13,36-43) Come si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo».
Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».
Parola del Signore  



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e illuminaci, a me che scrivo, a te che leggi, a noi che ti ascoltiamo. Fa che tutto sia comprensibile ai nostri orecchi, perché tu stesso hai detto, chi ha orecchie per intendere intenda, donaci Tu la sapienza per intendere.
Oggi davanti a questa parola, vedo realizzarsi la lotta di ogni giorno.
Il problema non è il male del mondo, ma è non lasciarsi contaminare da questo male, da questo modo di vivere ed invece cercare il più possibile di comportarci da cristiani tra gli uomini che vivono come se Dio non ci fosse. Tutte le mamme vorrebbero educare i loro figlioli a vivere in maniera equilibrata, e per evitare che soffrano cercano di consigliarli a come reagire. Questa è la nuova chiave di lettura della vita: reagire e non agire perchè certi meccanismi non si innestino. Il mondo è crudele; lo si comincia presto ad imparare, ma il mondo siamo noi. Se viviamo sempre come in un campo di battaglia, ci scambieremo colpo su colpo e sempre in una guerra ci sarà chi soccombe. Le famiglie oggi sono lo specchio di questa società moderna; famiglie allargate, non più patriarcali, ma disunite dagli interessi e dalla voglia di prevalere gli uni sugli altri; ed in questi contesti dobbiamo restare fedeli al Signore senza seguire i consigli dell’egoismo, perchè è chiaro che gli uomini non hanno la stessa prospettiva di giudizio di Dio. Dopo averci detto di non estirpare la zizzania, il Signore ci parla di quello che sarà il giorno del giudizio. Ogni giorno è il giorno del giudizio, non dobbiamo pensare solo al giudizio finale, ma a come Dio ci guarda ogni istante, a come Gesù è in attesa della nostra voglia di riprenderci tra le mani la nostra vita e di reindirizzarla verso una società più equa, più giusta e vivibile.
Nel mondo è difficile non essere contaminati dalla nostra natura, dal nostro istinto, dal male che è in noi e fuori di noi; difficile,ma non impossibile, ed in questa semplicissima parabola Gesù ci dà la chiave per sconfiggere questo
male.
La chiave di lettura è l' arma della pazienza, della comprensione, del non lasciarsi prendere dalla superbia e/o dall'orgoglio; l’arma dell 'umiltà e della capacità di cercare di comprendere, di saper perdonare, ma soprattutto, di non sentirsi migliori degli altri.
Le notizie di tutti i giorni ci parlano di gente che semina terrore, di delitti, di rivalità politiche; ci parlano insomma di un mondo continuamente in lotta.
Sentiamo che persone che hanno scelto la vita consacrata, si perdono e ci rattrista, ci fa male! Vorremmo che tutto questo venisse cancellato dalla faccia della terra, che chi rinnega Cristo dopo averlo seguito, pagasse ancora più duramente degli altri, come se spettasse a noi il giudizio, come se ci mettessimo al posto di Dio..... e probabilmente avremmo ucciso Pietro per la sua viltà, mentre Gesù, attese che le sue imperfezioni, lo rendessero migliore.
Dobbiamo avere fiducia in Dio, la stessa fiducia che Lui ha in noi perché Lui solo sa quello che è giusto e ci ripagherà delle ingiustizie che subiamo e delle tribolazioni ma noi dobbiamo essere sempre fedeli alla sua parola e resistere alle tentazioni di quel mondo pieno di lustrini che ci abbaglia come specchietto per le allodole, per non rimanere invischiati nel putridume che sembra invece la felicità del consumismo con cui satana ci tenta, come tentò anche Gesù.

domenica 30 luglio 2017

(Mt 13,31-35) Il granello di senape diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami.

VANGELO DI LUNEDì 31 LUGLIO 2017
(Mt 13,31-35) Il granello di senape diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami».
Disse loro un’altra parabola: «Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
Tutte queste cose Gesù disse alle folle con parabole e non parlava ad esse se non con parabole, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta:
«Aprirò la mia bocca con parabole,
proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo».
Parola del Signore





LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e porta la Tua luce nell’oscurità del mio cuore.
Questo granellino di senape mi ha sempre turbato!
Siamo così pieni di noi stessi che ci basta poco per sentirci a posto, invece, questa unità di misura, il granellino di senape, ci dovrebbe rimettere tutti a posto.
Se avessimo fede come un granellino di senape: sposteremmo le montagne............
Eppure basterebbe per iniziare a costruire su questo semino di Dio che è in noi, ma noi siamo quelli del “tutto e subito” e ci lasciamo sfuggire che le cose più importanti sono la pazienza e la passione.
Quanto siamo stolti mio Signore, sapienti di tutto ciò che è inutile, non riusciamo a coltivare le cose spirituali, e per questo non cresciamo mai in Spirito e Verità.
Aiutaci a non distogliere lo sguardo dove la falsità ci acceca e fa che solo la tua parola sia per noi guida che illumina, e come in una campana di vetro isolaci Tu dal male che è fuori da noi, ed aiutaci a combattere quello che è dentro di noi e che vuole soffocare il nostro desiderio di Te.
... Non ci lasciare soli davanti alle tentazioni che cercano di trasportarci lontani da Te,ma liberaci Tu dal male! Amen.

sabato 29 luglio 2017

(Mt 13,44-52) Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

VANGELO
(Mt 13,44-52) Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

+ Dal Vangelo secondo Matteo


In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli:
«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.
Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».
Parola del Signore.









LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito, e aiutami a capire e ad esprimere il senso della parola che tu hai ispirato a chi ha scritto per noi queste pagine stupende, decalogo di vita per entrare nel regno dei cieli.
Una volta che abbiamo incontrato Gesù, la nostra vita cambia, e facciamo quello che Lui stesso ci ha chiesto, lo seguiamo, trascinati dall’ amore che ci attrae come se fosse una calamita, perché mai ci capiterà più nella vita di incontrare un amore così. Ecco perché vale la pena di mollare tutto e di seguirlo. Il regno dei cieli non è un luogo in cui si può entrare solo dopo morti, ma un modo di vivere di chi segue il Signore.
Difficile essere sempre in grazia di Dio, perché nella sua grande sapienza, Dio permette che capiamo i nostri errori ed impariamo da essi che verità e giustizia appartengono solo a Dio, e che noi ne abbiamo solo una nebulosa idea.
Le cose nuove che ogni giorno ci vengono rivelate dallo Spirito Santo, si vanno ad aggiungere alle Verità di fede che sono conosciute e che sono il bagaglio che ogni discepolo di Cristo, vive e scrive nel libro della vita.
Impegniamoci per fare della stessa uno specchio su cui riflettere la parola di Dio, vissuta in semplicità e preghiera. Non piacerà a chi cerca specchietti per le allodole, ma abbaglierà che volge lo sguardo verso Dio.

venerdì 28 luglio 2017

(Gv 11,19-27) Io credo che sei il Cristo, il Figlio di Dio.

VANGELO
(Gv 11,19-27) Io credo che sei il Cristo, il Figlio di Dio.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni
In quel tempo, molti Giudei erano venuti da Marta e Maria a consolarle per il fratello. Marta dunque, come udì che veniva Gesù, gli andò incontro; Maria invece stava seduta in casa. Marta disse a Gesù: «Signore, se tu fossi stato qui, mio fratello non sarebbe morto! Ma anche ora so che qualunque cosa tu chiederai a Dio, Dio te la concederà». Gesù le disse: «Tuo fratello risorgerà». Gli rispose Marta: «So che risorgerà nella risurrezione dell’ultimo giorno». Gesù le disse: «Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà; chiunque vive e crede in me, non morirà in eterno. Credi questo?». Gli rispose: «Sì, o Signore, io credo che tu sei il Cristo, il Figlio di Dio, colui che viene nel mondo».
Parola del Signore.


LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito, abbracciami anche se non lo merito, sorreggimi nella debolezza, sostieni la mia speranza; perché io senza di te sono solo un guscio vuoto! Amen.
É nel dolore che si cerca conforto e sembra quasi che questo brano del Vangelo, sia stato scritto per chi si domanda: perché proprio a me? Essere amici di Gesù non ci salva da certe sofferenze , lo scoprirono Marta e Maria, sorelle di Lazzaro, ma vediamo che l’atteggiamento delle due sorelle è ancora una volta diverso. Marta che era quella che non sapeva stare ferma, corre incontro a Gesù, si agita, ma davanti a Gesù si arrende a quella sua fede alla quale manca sempre qualcosa. La fede non si completa con le parole, ma con l’esperienza di vita, con l’assimilarsi alla croce di Cristo. Maria non si è mossa, era in casa, immobile, a figura di ogni contemplativa che trova il Signore nella preghiera; che lo adora... ed io vedo in lei una donna che riesce a vivere nella quotidianità di ogni giorno la sua fede nel Signore, la sua operosità si traduce in preghiera. La prima è operosa, la seconda contemplativa, ma tutte e due si completano in Gesù. Ognuno deve avere Cristo come perno portante della propria vita se vuole realizzarla .

giovedì 27 luglio 2017

(Mt 13,18-23) Colui che ascolta la Parola e la comprende, questi dà frutto.




VANGELO
(Mt 13,18-23) Colui che ascolta la Parola e la comprende, questi dà frutto.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Voi dunque ascoltate la parabola del seminatore. Ogni volta che uno ascolta la parola del Regno e non la comprende, viene il Maligno e ruba ciò che è stato seminato nel suo cuore: questo è il seme seminato lungo la strada. Quello che è stato seminato sul terreno sassoso è colui che ascolta la Parola e l’accoglie subito con gioia, ma non ha in sé radici ed è incostante, sicché, appena giunge una tribolazione o una persecuzione a causa della Parola, egli subito viene meno. Quello seminato tra i rovi è colui che ascolta la Parola, ma la preoccupazione del mondo e la seduzione della ricchezza soffocano la Parola ed essa non dà frutto. Quello seminato sul terreno buono è colui che ascolta la Parola e la comprende; questi dà frutto e produce il cento, il sessanta, il trenta per uno».
Parola del Signore  



LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e guidaci all’ ascolto della parola di Dio, fa che ci penetri l’anima e diventi per noi motivo di speranza.
Ascoltare e comprendere che Dio parla per il nostro bene; è questo in fondo quello che cambia il nostro modo di agire.
Faccio un esempio, se devo comperare un’auto e so che quel modello che mi piace come carrozzeria, costa tantissimo ed in più ha difetti di frenata, di tenuta di strada, di consumo...ecc. ecc posso anche comperarla,ma sapendo già che faccio un pessimo affare.
Così è la vita, posso anche viverla a modo mio e non nel modo che Dio mi ha indicato, ma poi quando sbatterò il muso sul male che mi sarò procurato, mi renderò conto di aver fatto male solo a me stesso e a quelli che mi amano.
La parola di Dio porta in se stessa la sapienza e il consiglio di Dio. . se all’ ascolto della teoria faremo seguire la pratica, certo ci risparmieremo tanti fallimenti ed eviteremo di essere cristiani all'acqua di rose.
Non possono mancare le prove, perché ci tengono con i piedi ben saldi per terra, perché vediamo che chi si crede potente e giusto,è pieno solo di vanità, mentre per rimanere in contatto con Dio serve molta umiltà.
Come le spighe più alte, non sono le più piene, ma le più leggere e vuote; così quelle con i chicchi più carichi sono quelle che si piegano sotto il loro peso; è l’umiltà che ci fa chinare il capo, mentre la vanità ci tiene lontani da Dio.

mercoledì 26 luglio 2017

(Mt 13,10-17) A voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato.

VANGELO
(Mt 13,10-17) A voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato.


+ Dal Vangelo secondo Matteo


In quel tempo, i discepoli si avvicinarono a Gesù e gli dissero: «Perché a loro parli con parabole?».
Egli rispose loro: «Perché a voi è dato conoscere i misteri del regno dei cieli, ma a loro non è dato. Infatti a colui che ha, verrà dato e sarà nell’abbondanza; ma a colui che non ha, sarà tolto anche quello che ha. Per questo a loro parlo con parabole: perché guardando non vedono, udendo non ascoltano e non comprendono.
Così si compie per loro la profezia di Isaìa che dice:
“Udrete, sì, ma non comprenderete,
guarderete, sì, ma non vedrete.
Perché il cuore di questo popolo è diventato insensibile,
sono diventati duri di orecchi
e hanno chiuso gli occhi,
perché non vedano con gli occhi,
non ascoltino con gli orecchi
e non comprendano con il cuore
e non si convertano e io li guarisca!”.
Beati invece i vostri occhi perché vedono e i vostri orecchi perché ascoltano. In verità io vi dico: molti profeti e molti giusti hanno desiderato vedere ciò che voi guardate, ma non lo videro, e ascoltare ciò che voi ascoltate, ma non lo ascoltarono!».


Parola del Signore






LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito, nel mio cuore e nella mente, e fa che tra noi non ci siano segreti che io non sappia capire,ma svelami nella sapienza e nella volontà di Dio, quello che mi può essere svelato.
Quanto è difficile per chi è colto, non mettere in mostra il suo sapere!
Per chi ha fatto teologia poi...sembra quasi impossibile dividere il sapere dal saper essere aperti al mistero, quasi come se nulla ci fosse più da scoprire.
Magari bastasse la conoscenza delle scritture per entrare nel regno dei cieli!
Gesù parla con le parabole, rende comprensibile a tutti quello che vuole sia compreso, non fa il difficile, non mette in mostra la sua sapienza e sapete perché?
Perché non parla per essere ammirato, ma per dare a noi la possibilità di comprendere che l’unica felicità vera, viene dall’ accogliere la sua parola, che è stata scritta non per i dotti e i sapienti, ma per tutti. I sacerdoti hanno un grande compito, che non è quello di spiegare dall'alto della loro boria la parola, ma di mostrare con la loro umiltà come viverla; questo sarà gradito al Signore!

martedì 25 luglio 2017

(Mt 13,1-9) Una parte del seme cadde sul terreno buono e diede frutto.

VANGELO
(Mt 13,1-9) Una parte del seme cadde sul terreno buono e diede frutto.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
Quel giorno Gesù uscì di casa e sedette in riva al mare. Si radunò attorno a lui tanta folla che egli salì su una barca e si mise a sedere, mentre tutta la folla stava sulla spiaggia. Egli parlò loro di molte cose con parabole. E disse: «Ecco, il seminatore uscì a seminare. Mentre seminava, una parte cadde lungo la strada; vennero gli uccelli e la mangiarono. Un’altra parte cadde sul terreno sassoso, dove non c’era molta terra; germogliò subito, perché il terreno non era profondo, ma quando spuntò il sole, fu bruciata e, non avendo radici, seccò. Un’altra parte cadde sui rovi, e i rovi crebbero e la soffocarono. Un’altra parte cadde sul terreno buono e diede frutto: il cento, il sessanta, il trenta per uno. Chi ha orecchi, ascolti». Parola del Signore




LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e svelami la parola; elimina i limiti della mia umiltà ed espandila fino a poter scorrere liberamente in me. Quanta gente passa e se ne va, e molti di loro fanno proclami e cercano di essere ammirati, di diventare famosi. Gesù non fa parte di questi personaggi, spesso si ritira in preghiera, ma dovunque vada, la folla lo circonda. Sta fermo, si lascia trovare e parla loro. La parola è il seme di cui narra la parabola, e tutti si recano attorno a Gesù per ascoltarla, ma quanti la ascolteranno? Io scelgo spesso di raccontare gli avvenimenti dei testi sacri, in modo speciale alle persone che non vanno in chiesa, per cercare di seminare la parola, con la speranza di incuriosire e di avvicinare le persone ai Vangeli e devo dire che tra le infinite delusioni a volte capita che qualcuno mi chieda una Bibbia. Spesso mi sembra di parlare al vento... ma penso che il vento gira e spesso riporta indietro quello che viene seminato. Non mi sono mai proposta di raccogliere, anzi, come alias del mio nome , ho scelto “ la zappa di Dio” perchè il mio compito e continuare a zappare il terreno, e se incontro le pietre non mi scoraggio, perchè la lama della zappa si affila sulla pietra... e tutto affido nelle mani di Dio.

lunedì 24 luglio 2017

(Mt 20,20-28) Il mio calice, lo berrete.

VANGELO
(Mt 20,20-28) Il mio calice, lo berrete.
+ Dal Vangelo secondo Matteo
In quel tempo, si avvicinò a Gesù la madre dei figli di Zebedèo con i suoi figli e si prostrò per chiedergli qualcosa. Egli le disse: «Che cosa vuoi?». Gli rispose: «Di’ che questi miei due figli siedano uno alla tua destra e uno alla tua sinistra nel tuo regno». Rispose Gesù: «Voi non sapete quello che chiedete. Potete bere il calice che io sto per bere?». Gli dicono: «Lo possiamo». Ed egli disse loro: «Il mio calice, lo berrete; però sedere alla mia destra e alla mia sinistra non sta a me concederlo: è per coloro per i quali il Padre mio lo ha preparato». Gli altri dieci, avendo sentito, si sdegnarono con i due fratelli. Ma Gesù li chiamò a sé e disse: «Voi sapete che i governanti delle nazioni dóminano su di esse e i capi le opprimono. Tra voi non sarà così; ma chi vuole diventare grande tra voi, sarà vostro servitore e chi vuole essere il primo tra voi, sarà vostro schiavo. Come il Figlio dell’uomo, che non è venuto per farsi servire, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti».
Parola del Signore  





LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Santo Spirito e fammi ascoltare con il cuore la tua parola, fa che io sappia comprendere quello che solo chi vuole capire per obbedire, può comprendere.
Quante volte ci siamo illusi... e quante volte siamo rimasti delusi! Il metro con cui misuriamo la nostra grandezza è quello del paragone con gli altri, purtroppo; e questo ci impedisce spesso di vivere sereni ed in comunione con i fratelli. In questo brano del Vangelo, vediamo tanti personaggi e tanti atteggiamenti: Salomè, madre di Giacomo e Giovanni, si prostra davanti a Gesù e cerca di perorare la causa dei figli per metterli in mostra; i due discepoli nascondono la loro voglia di potere dietro ai desideri della madre; gli altri 10 si sentono offesi perla richiesta del trio, perchè l’invidia comincia a serpeggiare tra di loro. Questo succede perchè ognuno vuole per se il posto migliore, quello più appariscente, e non importa se per ottenerlo dobbiamo sgomitare . Chi cerca invece solo di far bene il suo compito, ossia di servire allo scopo, di essere utile senza sentirsi indispensabile, viene spesso preso per fesso e il più delle volte, viene messo in cattiva luce. L’umiltà lascia delle impronte così grandi che i superbi ci si perdono, ma abbiamo un grande maestro da imitare, colui che si è fatto ultimo per dare la propria vita in riscatto per molti. Faremmo bene a fare attenzione a questo ultimo avverbio: molti non sono tutti!

domenica 23 luglio 2017

(Mt 12,38-42) La regina del Sud si alzerà contro questa generazione.

VANGELO 
(Mt 12,38-42) La regina del Sud si alzerà contro questa generazione.



In quel tempo, alcuni scribi e farisei dissero a Gesù: «Maestro, da te vogliamo vedere un segno». Ed egli rispose loro: «Una generazione malvagia e adultera pretende un segno! Ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona il profeta. Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell’uomo resterà tre giorni e tre notti nel cuore della terra. Nel giorno del giudizio, quelli di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona! Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro questa generazione e la condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone!».


Parola del Signore
  




LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Spirito del Signore, fammi capire, fammi vedere dove sbaglio e come posso cambiare. Fa che tutti quelli che mi mandi, trovino sempre un cuore aperto a loro come io l' ho trovato in te, fa che il mio piccolo cuore, batta nel tuo. Voglio imparare ad essere un Tuo segno, non a cercare un segno. Amen! La storia che oggi la Chiesa ci propone per leggere questo brano del Vangelo ci porta indietro nel tempo, a quando gli ebrei, che il faraone fu costretto a far uscire dall’Egitto, si ritrovano in grande difficoltà, con il mare davanti e gli egiziani inseguitori alle spalle. É la classica situazione di chi è tra due fuochi e non sa cosa fare. Questo ci deve far pensare a quante volte crediamo di non poter fare quello che Dio vuole, perché ci sembra troppo difficile. Chiedere un segno al Signore, non è sbagliato in se stesso; è spesso errato il come ed il perché lo chiediamo. La preghiera di Salomone è quella giusta che ci viene portata in esempio da Gesù, perché non chiede un segno per sembrare grande,ma la sapienza per saper guidare il suo popolo rettamente. Non cerca di piegare Dio alle se esigenze, ma di chiedere aiuto nelle difficoltà per fare sempre la sua volontà. Giona non sapeva eseguire la volontà di Dio, aveva paura di quello che il popolo di Ninive poteva fargli, si preoccupava della sua incolumità e non pensava al fatto che Dio voleva la salvezza di quel popolo. L’inviato da Dio, non porta la sua parola, ma la parola di Dio, che attraverso l’azione dello Spirito cambia il cuore dell’uomo, e come gli abitanti di Ninive, si pentirono e convertirono le loro azioni, così ad ogni uomo che si riconosce bisognoso del suo aiuto,Dio mostra la sua onnipotenza.

sabato 22 luglio 2017

(Mt 13,24-43) Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura.



VANGELO
(Mt 13,24-43) Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura.

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un uomo che ha seminato del buon seme nel suo campo. Ma, mentre tutti dormivano, venne il suo nemico, seminò della zizzania in mezzo al grano e se ne andò. Quando poi lo stelo crebbe e fece frutto, spuntò anche la zizzania. Allora i servi andarono dal padrone di casa e gli dissero: “Signore, non hai seminato del buon seme nel tuo campo? Da dove viene la zizzania?”. Ed egli rispose loro: “Un nemico ha fatto questo!”. E i servi gli dissero: “Vuoi che andiamo a raccoglierla?”. “No, rispose, perché non succeda che, raccogliendo la zizzania, con essa sradichiate anche il grano. Lasciate che l’una e l’altro crescano insieme fino alla mietitura e al momento della mietitura dirò ai mietitori: Raccogliete prima la zizzania e legatela in fasci per bruciarla; il grano invece riponètelo nel mio granaio”».
Espose loro un’altra parabola, dicendo: «Il regno dei cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell’orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami».
Disse loro un’altra parabola: «Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finché non fu tutta lievitata».
Tutte queste cose Gesù disse alle folle con parabole e non parlava ad esse se non con parabole, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta:
«Aprirò la mia bocca con parabole,
proclamerò cose nascoste fin dalla fondazione del mondo».
Poi congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo». Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».

Parola del Signore.

LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA.
Aiutami o Santo Spirito a saper leggere tra queste righe la volontà di Dio!

Credo che per capire questo brano del Vangelo , che comprende tre parabole,bisogna tenere ben presente chi è Dio e come pensa, per questo la Chiesa propone l’invito a leggere la prima lettura dal libro della sapienza, che ci fa conoscere che Dio è un Dio giusto e indulgente con tutti. Egli giudica con mitezza e ci governa con molta indulgenza.
Insegna che chi vuole essere giusto deve seguire il suo esempio, non giudicare, non perdere la speranza che anche il peggiore degli uomini, si possa salvare.
In noi ci sono due semi, in tutti noi, quello del bene e quello del male; bisogna che crescano insieme perché tutto dipende dalle nostre scelte.
Il piccolo seme di senape crescerà, diventerà grande e si alimenterà da quelle che saranno le decisioni che prenderemo, da come vivremo la nostra vita cercando di seguire Dio.
Sarà facile prendere decisioni sbagliate e dovremo imparare dai nostri errori, non potremo evitare di fare male, perché fa parte di noi.
Possiamo pensare di non volerlo fare come azione, ma sicuramente ci riuscirà spontaneo come reazione.
Dio però non ci abbandonerà, aspetterà con pazienza e giudicherà con indulgenza i nostri peccati, purché capiamo che l’amore di Dio è la parte più bella che è in noi, ed è quella che crescendo farà di noi degni figli del Padre nostro che è nei cieli!