giovedì 5 maggio 2011

(Gv 6,1-15) Gesù distribuì i pani a quelli che erano seduti, quanto ne volevano.

VANGELO
 (Gv 6,1-15) Gesù distribuì i pani a quelli che erano seduti, quanto ne volevano.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù passò all’altra riva del mare di Galilea, cioè di Tiberìade, e lo seguiva una grande folla, perché vedeva i segni che compiva sugli infermi. Gesù salì sul monte e là si pose a sedere con i suoi discepoli. Era vicina la Pasqua, la festa dei Giudei.

Allora Gesù, alzàti gli occhi, vide che una grande folla veniva da lui e disse a Filippo: «Dove potremo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Diceva così per metterlo alla prova; egli infatti sapeva quello che stava per compiere. Gli rispose Filippo: «Duecento denari di pane non sono sufficienti neppure perché ognuno possa riceverne un pezzo».
Gli disse allora uno dei suoi discepoli, Andrea, fratello di Simon Pietro: «C’è qui un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci; ma che cos’è questo per tanta gente?». Rispose Gesù: «Fateli sedere». C’era molta erba in quel luogo. Si misero dunque a sedere ed erano circa cinquemila uomini.
Allora Gesù prese i pani e, dopo aver reso grazie, li diede a quelli che erano seduti, e lo stesso fece dei pesci, quanto ne volevano. E quando furono saziati, disse ai suoi discepoli: «Raccogliete i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto». Li raccolsero e riempirono dodici canestri con i pezzi dei cinque pani d’orzo, avanzati a coloro che avevano mangiato.
Allora la gente, visto il segno che egli aveva compiuto, diceva: «Questi è davvero il profeta, colui che viene nel mondo!». Ma Gesù, sapendo che venivano a prenderlo per farlo re, si ritirò di nuovo sul monte, lui da solo.

Parola del Signore
---------------------------------------
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA

Vieni o Spirito Santo ,ad accendere la luce della mente,ad aprire le orecchie al verbo del Signore,a guidare il mio cuore verso la strada che lui ci ha indicato e percorso prima di noi.

Nella prima lettura, ci troviamo a vedere come anche chi dice di non credere comincia ad avere dubbi, i farisei ed i giudei, avevano già risolto il problema di che si trascinava dietro le folle, come avevano fatto con Gesù, uccidendoli, e i loro discepoli si erano dispersi, ma stavolta era diverso, questi discepoli non si disperdevano, continuavano a predicare nel nome di Gesù, e se fossero stati veramente mandati da Dio?Li fecero frustare e loro ne furono felici perché venivano colpiti per testimoniare come Gesù, e si sentivano conformi a lui.
Dal vangelo vediamo che cosa significa essere conformi a Gesù, vuol dire essere in comunione con i fratelli, affidare a Gesù anche la nostra materialità, i nostri bisogni fisici, condividere con gli altri, e collaborare con Gesù.
Il miracolo che compie il Signore è il simbolo di come sia possibile sfamare tutti condividendo in nome dell'amore.Questa sembra che sia oggi la cosa più difficile, dire al Signore Gesù, io ho solo questo, come posso aiutarti a sfamare il mondo intero?Dire a Gesù usami, fai Tu di me strumento delle tue mani, dire Padre ho fame aiutami, ho fame di Te, abbracciami, Ho fame di giustizia, fammi essere giusto per primo, ho fame d'amore, fammi amare come tu ami i miei fratelli.
Abbiamo fame Signore, tu ci hai detto di chiedere a te ogni cosa, ci hai detto che se anche il padre che abbiamo sulla terra al posto del pane ci può dare un sasso, Tu non lo faresti mai, e noi ti crediamo Padre.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.