venerdì 21 giugno 2013

(Mt 6,24-34) Non preoccupatevi del domani

VANGELO
 (Mt 6,24-34) Non preoccupatevi del domani.

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: 
«Nessuno può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’ uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza.
Perciò io vi dico: non preoccupatevi per la vostra vita, di quello che mangerete o berrete, né per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita non vale forse più del cibo e il corpo più del vestito? 
Guardate gli uccelli del cielo: non seminano e non mietono, né raccolgono nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non valete forse più di loro? E chi di voi, per quanto si preoccupi, può allungare anche di poco la propria vita? 
E per il vestito, perché vi preoccupate? Osservate come crescono i gigli del campo: non faticano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora, se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani si getta nel forno, non farà molto di più per voi, gente di poca fede? 
Non preoccupatevi dunque dicendo: “Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo?”. Di tutte queste cose vanno in cerca i pagani. Il Padre vostro celeste, infatti, sa che ne avete bisogno. 
Cercate invece, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. 
Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena».

Parola del Signore


LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Grazie o Gesù delle tue sante parole, grazie di ogni respiro che hai emesso per noi, concedimi di respirare del tuo respiro e di vivere di Te.  

Non si può servire Dio se la ricchezza diventa il nostro Dio. Questo deve essere ben vivo nel nostro cuore e nella nostra mente, se vogliamo salvare la nostra anima, se non vogliamo fare scelte sbagliate. 
Spesso ci occupiamo più del nostro corpo che della nostra anima, come se le due cose fossero scollegate, ma non ci rendiamo conto che separando l’una dall’ altra, noi ci separiamo dal creatore, ci allontaniamo da Dio.
Matteo mette in risalto le parole di Gesù con le quali ci dice con una chiarezza sconcertante, che nella vita è una questione di scelta d’appartenenza.
Non si può vivere nel mondo ed essere del mondo e allo stesso tempo servire Dio.
Appartenere a Dio vuol dire confidare che da Lui ti verrà tutto quello che ti serve per vivere.
Molte persone appena perdono le loro sicurezze terrene si preoccupano e disperano, e questo, anche se umanamente è comprensibile, è segno che non è nel Signore che confidano. 
Penso agli apostoli che sulla barca, in mezzo alla tempesta avevano paura, ma appena anno invocato il nome di Gesù, hanno visto con loro stupore che comandò alle acque di calmarsi e queste si calmarono.
Abbiamo visto come con pochi pani e pochi pesci, sfamò una moltitudine di gente e ne avanzò.
Abbiamo visto che resuscitò i morti.
Di Dio noi abbiamo attraverso Gesù una rivelazione d’onnipotenza senza pari, ma non ci rivolgiamo a Lui se non in caso d’estrema necessità, e spesso, troppo spesso, lo consideriamo un talismano, un banco dei pegni, al quale dire una preghierina con la speranza di ottenere tutto e subito.
Crediamo di valere solo in base a quello che abbiamo, alla posizione sociale, al nostro aspetto fisico, ma forse questo è vero solo perché anche noi giudichiamo gli altri da questo.
Agli occhi del Signore invece contano le nostre piccole opere buone, la nostra mano tesa verso i fratelli più bisognosi, il nostro amore per lui, per la nostra famiglia; l’amore che riusciamo a dare è più importante di tutto quello che possiamo avere.
Nella vita passiamo molti esami, qualcuno riusciamo anche a truccarlo, con l’aiuto di altri uomini corruttibili…. ma quando passeremo il nostro ultimo esame, non potremo barare, ne comperarne l’ esito.

2 commenti:

  1. MY REFLECTION
    PRAYER
    Thanks or your holy words of Jesus, thank you for every breath you hear for us, grant me to breathe your breath and live for You.
    You can not serve God if wealth becomes our God
    This must be very much alive in our hearts and in our minds, if we want to save our soul, if you do not want to make poor choices.
    Often we take care of our body that most of our soul, as if the two were unrelated, but we do not realize that separating one from the other, we separate ourselves from the Creator, we turn away from God
    Matthew emphasizes Jesus' words with which tells us with a disconcerting clarity, which in life is a matter of choice belongs to.You can not live in the world and being of the world and at the same time serve God
    Belonging to God means trusting that He'll be everything you need to live.
    Many people just lose their earthly security worry and despair, and this, even if it is humanly understandable, it means that they who trust in the Lord.
    I think that the apostles on the boat, in the middle of the storm were afraid, but as soon as year invoked the name of Jesus, they saw to their amazement that commanded the waters to calm down and they calmed down.
    We have seen that with a few loaves and fishes, fed the multitudes of people and they walked.
    We have seen that raised the dead.
    Of God through Jesus we have a revelation of omnipotence without equal, but we do not turn to Him except in cases of extreme necessity, and often, too often, we consider a talisman, a pawnshop, which say a little prayer with the hope to get everything at once.
    We believe that we rely only on the basis of what we have, social position, to our physical appearance, but perhaps this is true only because we judge others by it.
    In the eyes of the Lord instead count our small good deeds, our outreach to those most in need, our love for him, for our family, the love that we give is more important than anything we could have.
    In life, we pass many tests, someone we can also fake it with the help of other men corruptible .... but when we pass our final exam, we will not cheat, it comperarne the outcome.

    RispondiElimina
  2. MI REFLEXIÓN
    ORACIÓN
    Gracias o sus santas palabras de Jesús, gracias por cada respiración que usted oye de nosotros, concédeme respirar tu aliento y vivir por Ti.
    No podéis servir a Dios si la riqueza se convierte en nuestro Dios
    Esto debe ser muy vivo en nuestros corazones y en nuestras mentes, si queremos salvar nuestra alma, si usted no quiere tomar decisiones pobres.
    A menudo nos ocupamos de nuestro cuerpo que la mayoría de nuestra alma, como si los dos no estaban relacionados, pero no nos damos cuenta de que separar el uno del otro, nos separamos del Creador, nos alejamos de Dios
    Mateo destaca las palabras de Jesús con el que nos dice con una claridad desconcertante, que en la vida es una cuestión de elección pertenece.No se puede vivir en el mundo y ser del mundo y al mismo tiempo servir a Dios
    La pertenencia a Dios significa confiar en que Él va a estar todo lo que necesita para vivir.
    Muchas personas simplemente pierden su preocupación de seguridad terrestre y la desesperación, y esto, aunque sea humanamente comprensible, significa que los que confían en el Señor.
    Creo que los apóstoles en el barco, en medio de la tormenta tenían miedo, pero tan pronto como el año invocó el nombre de Jesús, vi con asombro que ordenó que las aguas se calmen y se tranquilizó.
    Hemos visto que con unos pocos panes y peces, alimentó a las multitudes de personas y caminaron.
    Hemos visto que resucitó a los muertos.
    De Dios a través de Jesús tenemos una revelación de la omnipotencia sin igual, pero no nos volvemos a Él, excepto en casos de extrema necesidad, y, a menudo, demasiado a menudo, consideramos un talismán, una casa de empeño, que dicen una oración con el esperamos tener todo a la vez.
    Creemos que nos basamos sólo en la base de lo que tenemos, la posición social, a nuestra apariencia física, pero tal vez esto es cierto sólo porque juzgamos a los demás por el mismo.
    A los ojos del Señor en vez contar nuestras pequeñas buenas acciones, nuestro alcance a los más necesitados, nuestro amor por él, para nuestra familia, el amor que damos es más importante que cualquier cosa que podamos tener.
    En la vida, pasamos por muchas pruebas, alguien que también se puede fingir con la ayuda de otros hombres corruptibles .... pero cuando pasamos nuestro examen final, no vamos a engañar, que comperarne el resultado.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.