giovedì 1 settembre 2011

(Lc 5,33-39) Quando lo sposo sarà loro tolto, allora in quei giorni digiuneranno.


VANGELO
 (Lc 5,33-39) Quando lo sposo sarà loro tolto, allora in quei giorni digiuneranno. 
+ Dal Vangelo secondo Luca


In quel tempo, i farisei e i loro scribi dissero a Gesù: «I discepoli di Giovanni digiunano spesso e fanno preghiere, così pure i discepoli dei farisei; i tuoi invece mangiano e bevono!». 
Gesù rispose loro: «Potete forse far digiunare gli invitati a nozze quando lo sposo è con loro? Ma verranno giorni quando lo sposo sarà loro tolto: allora in quei giorni digiuneranno». 
Diceva loro anche una parabola: «Nessuno strappa un pezzo da un vestito nuovo per metterlo su un vestito vecchio; altrimenti il nuovo lo strappa e al vecchio non si adatta il pezzo preso dal nuovo. E nessuno versa vino nuovo in otri vecchi; altrimenti il vino nuovo spaccherà gli otri, si spanderà e gli otri andranno perduti. Il vino nuovo bisogna versarlo in otri nuovi. Nessuno poi che beve il vino vecchio desidera il nuovo, perché dice: “Il vecchio è gradevole!”».

Parola del Signore
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
O Dio, che guidi il tuo popolo con la soavità e la forza del tuo amore, per intercessione del papa san Gregorio Magno dona il tuo Spirito di sapienza a coloro che hai posto maestri e guide nella Chiesa, perché il progresso dei fedeli sia gioia eterna dei pastori,e anche a noi che cerchiamo di divulgare la tua parola. Per il nostro Signore Gesù Cristo.
Gesù incontra i farisei,cerca di ragionare con loro,di fargli capire che con la sua venuta tante cose sono nuove e che quindi vanno viste sotto un'altra ottica.L'incontro con i suoi,si consuma come un matrimonio,per cui lo paragona ad una festa.Se uno,vuole fidarsi di Gesù,non si mette a sindacare e a dire quello che è vecchio e quello che è nuovo,quello che viene da lì o da là,ma guarda alla parola del Signore e al suo giudizio.La legge di Dio è chiara e anche se è cambiata nella forma alla venuta del messia,non è cambiata nella sostanza.Non facciamo come i farisei che si fermavano all'apparenza della fede,ma andiamo dritti alla sostanza,senza giudicare quello che no possiamo capire.La pratica del digiuno veniva imposta,ma con Gesù viene invece abolita come obbligo,perchè serve a poco se non c'è l'amore per lo sposo.Non è il digiuno dal cibo che fa un cristiano,ma l'amore che lo lega a Dio,per il quale sceglie di essere in comunione con Lui.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.