martedì 31 gennaio 2017

1 minuto tra noi e Dio.


Manipolare la verità a nostro piacimento non ci farà persone migliori
A volte ci può succedere di sbagliare, di interpretare male, o magari semplicemente capire male qualcosa.
Ecco che come ce lo fanno notare, scatta una molla dentro di noi che ci spinge a trovare giustificazioni
Ma la verità non è solo non mentire, è vivere comunicando se stessi, le proprie idee ed anche la possibilità di cambiarle.
Saper cambiare idea, accettare i propri limiti, fa parte della consapevolezza di non poter essere perfetti, di non poter piacere a tutti, ma comunque di cercare di fare sempre del nostro meglio per fare la cosa giusta
La verità costa fatica e spesso non conviene, ne sa qualcosa Gesù, che davanti a Pilato che gli chiedeva se fosse vero che lui era re rispose: "Tu lo dici. Io sono re, e per questo sono nato e sono venuto nel mondo: per rendere testimonianza alla verità. Chi appartiene alla verità ascolta la mia voce."
Pilato come tutti noi, voleva qualcosa di tangibile, che si potesse vedere e capire, ma la verità rivelata in Gesù Cristo non è qualcosa che si possa toccare; ad essa si deve aprire il cuore e ci si deve solo affidare, sottomettendo perfino l'intelletto e la volontà. In altre parole è la fede che ce la fà conoscere.
La nostra verità è quindi riassumibile in queste parole siamo veri se viviamo cercando di essere quello in cui crediamo! Siamo liberi se siamo veri.
Ed ora proviamo a chiederci quanto viviamo da cristiani!
n. 9 Mingardi Lella  

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.