martedì 2 febbraio 2016

PRESENTAZIONE DEL SIGNORE



Presentazione del Signore







SOTTOFONDO MUSICALE


https://www.youtube.com/watch?v=5PzTrC9fREY







"Nel cuore della Chiesa, per parlare agli uomini del Cielo".

La vita consacrata ricorda a tutti il primato assoluto di Dio e la ricchezza dei carismi suscitati dallo Spirito, che attualizzano nel mondo le opere meravigliose del Regno di Dio.

La loro testimonianza di vita, con la scelta radicale di Cristo, povero casto e obbediente, ci proietta nella dimensione del “già e del non ancora” e ci sprona a rispondere alla chiamata alla Santità.

Preghiamo per tutte le vocazioni di speciale consacrazione a Dio

“Testimoni della vita buona del Vangelo”



«Vidérunt óculi mei salutáre tuum,

quod parásti ante fáciem ómnium populórum.»

2 febbraio



La festività della Presentazione del Signore, di cui abbiamo la prima testimonianza nel secolo IV a Gerusalemme, venne denominata fino alla recente riforma del calendario festa della Purificazione della SS. Vergine Maria, in ricordo del momento della storia della sacra Famiglia, narrato al capitolo 2 del Vangelo di Luca, in cui Maria, in ottemperanza alla legge, si recò al Tempio di Gerusalemme, quaranta giorni dopo la nascita di Gesù, per offrire il suo primogenito e compiere il rito legale della sua purificazione.

La riforma liturgica del 1960 ha restituito alla celebrazione il titolo di "presentazione del Signore", che aveva in origine. L'offerta di Gesù al Padre, compiuta nel Tempio, prelude alla sua offerta sacrificale sulla croce.


Questo atto di obbedienza a un rito legale, al compimento del quale né Gesù né Maria erano tenuti, costituisce pure una lezione di umiltà, a coronamento dell'annuale meditazione sul grande mistero natalizio, in cui il Figlio di Dio e la sua divina Madre ci si presentano nella commovente ma mortificante cornice del presepio, vale a dire nell'estrema povertà dei baraccati, nella precaria esistenza degli sfollati e dei perseguitati, quindi degli esuli.


L'incontro del Signore con Simeone e Anna nel Tempio accentua l'aspetto sacrificale della celebrazione e la comunione personale di Maria col sacrificio di Cristo, poiché quaranta giorni dopo la sua divina maternità la profezia di Simeone le fa intravedere le prospettive della sua sofferenza: "Una spada ti trafiggerà l'anima": Maria, grazie alla sua intima unione con la persona di Cristo, viene associata al sacrificio del Figlio.



Non stupisce quindi che alla festa odierna si sia dato un tempo tale risalto da indurre l'imperatore Giustiniano a decretare il 2 febbraio giorno festivo in tutto l'impero d'Oriente. Roma adottò la festività verso la metà del VII secolo; papa Sergio 1 (687-701) istituì la più antica delle processioni penitenziali romane, che partiva dalla chiesa di S. Adriano al Foro e si concludeva a S. Maria Maggiore. Il rito della benedizione delle candele, di cui si ha testimonianza già nel X secolo, si ispira alle parole di Simeone: "I miei occhi han visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli, luce per illuminare le genti". Da questo significativo rito è derivato il nome popolare di festa della "candelora". La notizia data già da Beda il Venerabile, secondo la quale la processione sarebbe un contrapposto alla processione dei Lupercalia dei Romani, e una riparazione alle sfrenatezza che avvenivano in tale circostanza, non trova conferma nella storia.








O Gesù, anche noi oggi,

come Simeone e la profetessa Anna,

ti stringiamo sul nostro cuore.

Loro videro un bimbo povero, avvolto in panni,

e credettero nella tua divinità;

noi vediamo un po’ di pane e crediamo in Te,

Vero Uomo e Vero Dio.

Vergine Santa, vieni accanto a noi con la tua preghiera,

fa’ che cresca la nostra fede

e sostienici nel cammino verso la patria

dove, finalmente, anche noi potremo contemplare

il tuo Gesù, Luce del mondo,

attesa e speranza di ogni uomo.



Candelora

Festa della Luce



O Dio, fonte e principio di ogni luce,

che oggi hai rivelato al santo vecchio Simeone

il Cristo, vera luce di tutte le genti,

benedici + questi ceri





e ascolta le preghiere del tuo popolo,

che viene incontro a te con questi segni luminosi

e con inni di lode; guidalo sulla via del bene,

perché giunga alla luce che non ha fine.

Per Cristo nostro Signore.







Troppi luccichii, Signore Gesù,

troppi luccichii confondono la nostra mente

e accecano il nostro cuore.

Il luccichio del successo e quello del piacere,

quello dell’ambizione senza misura

e del primo posto ad ogni costo.

E quando, con fuochi d’artificio,

passa quel momento, il cuore rimane nel buio

e la vita si trascina senza senso.

Che la tua Chiesa, luce posta sul candeliere,

sia solo riflesso di te

e chi vorrà cercarti

possa trovarti tranquillo

e gusterà quella pace e quella gioia

che solo chi ti incontra gusta per sempre.

Vieni, Luce del mondo, vieni!

E sarà gioia per tutti.









Guidami, dolce Luce

attraverso le tenebre che mi avvolgono.

Guidami tu, sempre più avanti!

Nera è la notte, lontana è la casa:

guidami tu, sempre più avanti!

Reggi i miei passi:

cose lontane non voglio vedere:

mi basta un passo alla volta.

Così non sono stato sempre, né sempre ti pregai

affinché tu mi conducessi sempre più avanti.

Amavo scegliere la mia strada,

ma ora, guidami tu, sempre più avanti!

Sempre mi benedisse la tua potenza:

anche oggi sicuramente

saprà condurmi sempre più avanti:

tra paludi e steppe,

per monti ripidi e abissi di torrenti

finché svanisca la notte e al mattino mi sorridano

quei volti d‘angelo amati a lungo un tempo

e per il momento smarriti.

Guidami, dolce Luce, guidami tu,

sempre più avanti!





(Card. Newman)









PREGHIERA A MARIA



O Maria, tu oggi sei salita umilmente al Tempio,

portando il tuo divin Figlio e lo hai offerto al Padre

per la salvezza di tutti gli uomini.

Oggi lo Spirito Santo ha rivelato al mondo che Cristo

è la gloria di Israele e la luce delle genti.

Ti preghiamo, o Vergine santa, presenta anche noi,

che pure siamo tuoi figli,al Signore e fa' che, rinnovati nello spirito,

possiamo camminare nella luce di Cristo

finché lo incontreremo glorioso nella vita eterna.








Ora lascia, o Signore,



che il tuo servo vada in pace



secondo la tua parola;



perché i miei occhi han visto la tua salvezza



preparata da te davanti a tutti i popoli;



luce per illuminare le genti



e gloria del tuo popolo Israele.





Bellissima la preghiera intensa di Simeone

che finalmente vede l'atteso: ora è sazio, soddisfatto,

ora ha capito, ora può andare, ora tutto torna.



La vita è così, bastano tre minuti per dare senso e luce a tutta una vita di sofferenze, tre minuti per dare luce ad una vita di attesa. L'importante è avere un cuore spalancato, capace, non rinchiuso dal dolore e dalla sofferenza, non asfaltato, non superficiale... Incontrare il Signore o intuirne la presenza, avere insomma fede, credere e sperare significa proprio mettersi in ascolto e attendere, anche tutta la vita se necessario.



Certo: duro è perseverare nell'attesa, eppure è una scommessa ardita che tutti siamo invitati a compiere perché la nostra intera vita diventi attesa di una risposta esaustiva e soddisfacente che - infine - colmi i cuori. Simeone ha visto la luce: la luce già c'era, già esisteva, già era manifesta, e lui la vede, lui se ne accorge.



La fede è un evento di apertura, è un accorgersi perché - lo so è un paradosso, che ci posso fare? - davanti al sole possiamo ostinatamente tenere gli occhi chiusi e dire: il sole non esiste.



Chiediamo al Signore di alleggerire il nostro cuore, di non permettere che la sofferenza o la superbia ci chiudano gli occhi al vero e al bene che risplende nelle pieghe del nostro martoriato e fragile tempo. A Maria Simeone profetizza sofferenza.



Questa acerba adolescente che ha creduto nella follia di Dio

si trova ora, per la prima volta, davanti alla misura della sua scelta: la misura dell'amore.



Maria sa che accogliere Dio le costerà fatica, e tanta.

Sa che ormai la sua vita è e resterà diversa.

Eppure crede, vi aderisce, vi acconsente.



Perché amare può voler dire, in certe occasioni, patire.

Sia lei, oggi, a insegnarci a vivere l'amore fino alla fine,

a imparare a donare tutto di noi,

per tramutare il dono in concretezza,

il sentimento in gesto, l'amore in dono.









Preghiamo



Dio onnipotente ed eterno, nella festa della Presentazione al tempio

del tuo unico Figlio fatto uomo, concedi anche a noi

di essere presentati a te pienamente rinnovati nello Spirito.

O Dio, che hai esaudito l'ardente attesa del santo Simeone,

compi in noi l'opera della tua misericordia;

tu che gli hai dato la gioia di stringere tra le braccia,

prima di morire, il Cristo tuo Figlio, concedi anche a noi

con la forza del pane eucaristico di camminare incontro al Signore,

per possedere la vita eterna.

Per Cristo nostro Signore

Amen


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.