giovedì 6 marzo 2014

VOCE DI SAN PIO :

-" Dunque non temere affatto, ma stimati fortunatissima per essere stata fatta degna e partecipe ai dolori dell’Uomo-Dio. Non è abbandono, dunque, cotesto, ma amore e amore grande che Dio ti va addimostrando. Non è punizione cotesto stato, ma amore ed amore finissimo. Benedicine perciò il Signore e rassegnati a bere al calice del Getsemani." (Epist. III, p. 441).

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.