domenica 10 novembre 2013

VOCE DI SAN PIO :

-" Io veggo che tutte le stagioni dell’anno si trovano nelle anime vostre; che talora sentite l’inverno di molte sterilità, distrazioni, svogliatezze e noie; ora le rugiade del mese di maggio con l’odore dei santi fioretti; tra i calori del desiderio di piacere al nostro Sposo divino. Non rimane, dunque, se non l’autunno del quale non vedete voi gran frutti; però occorre bene spesso che al tempo di battere le biade e di premere le uve, si trovino raccolte maggiori di quelle che promettevano le mietiture e le vendemmie. Voi vorreste che tutto fosse nella primavera e nell’estate; ma no, mie dilettissime figliole, bisogna che sia questa vicissitudine cosí nell’interno come nell’esterno. Nel cielo tutto sarà di primavera quanto alla bellezza, tutto di autunno quanto al godimento, tutto di estate quanto all’amore. Non vi sarà alcun inverno; ma qui l’inverno è necessario per esercizio dell’abnegazione e di mille piccole ma belle virtú che si esercitano nel tempo della sterilità." (Epist. III, p. 587s.).

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.