sabato 3 agosto 2013

(Lc 12,13-21) Quello che hai preparato, di chi sarà?

VANGELO
 (Lc 12,13-21) Quello che hai preparato, di chi sarà?
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, uno della folla disse a Gesù: «Maestro, di’ a mio fratello che divida con me l’eredità». Ma egli rispose: «O uomo, chi mi ha costituito giudice o mediatore sopra di voi?». E disse loro: «Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede». Poi disse loro una parabola: «La campagna di un uomo ricco aveva dato un raccolto abbondante. Egli ragionava tra sé: “Che farò, poiché non ho dove mettere i miei raccolti? Farò così – disse –: demolirò i miei magazzini e ne costruirò altri più grandi e vi raccoglierò tutto il grano e i miei beni. Poi dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. Ma Dio gli disse: “Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio».

Parola del Signore


(Lc 12,13-21) Quello che hai preparato, di chi sarà?
(Lc 12,13-21) Quello che hai preparato, di chi sarà?


LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Spirito Santo, amore di Dio per noi, vieni e aiutami a vivere con te questa pagina di Vangelo, vieni a farmi capire cosa conta per la vita eterna che mi aspetta tra le braccia del Signore, vieni ad aiutarmi perché le cose della terra non offuschino i miei pensieri.

Non serve accumulare tesori sulla terra per mettersi al sicuro, perché nessuno sa quando finirà la nostra vita, anzi, a volte quest’attaccamento al denaro crea non pochi conflitti nelle famiglie. Il Signore ci da tutto quello che ci serve se affidiamo a Lui la nostra vita, ma quello che conta è che ci dà la possibilità di salvare la nostra vita e la nostra anima, ma non accumulando beni sulla terra, ma operando per accumulare tesori in cielo. Seguire il vangelo, comportaci da Cristiani fedeli contro tutte le avversità, prendere ad imitazione Maria e i Santi, cercare di seguire le orme di Cristo e di vedere il mondo attraverso i suoi occhi.
E’ più facile di quello che può sembrare, in fondo non c’è chiesto niente di eclatante almeno all’inizio del cammino di fede. Pregare, onorare il Signore almeno un giorno a settimana, confessare ad un sacerdote le nostre mancanze, così come faremmo davanti a Gesù e fare la comunione. Se non riusciamo davanti ad un sacerdote che è molto simile a noi, a confessare le nostre colpe, come possiamo pensare di presentarci davanti a Gesù, che è luce infinita.. Dobbiamo essere umili, questa è forse la cosa più importante, tanto umili da riconoscere che senza Dio la nostra vita è un ingorgo in mezzo al traffico, e che per quanto facciamo, non riusciamo a stare bene. Sono i tesori che accumuliamo ad essere privi di contenuto, di armonia. Cerchiamo l’ amore e non riusciamo più a riconoscerlo perché lo cerchiamo a livelli molto più bassi di quelli che Dio amore ci propone, e ci affanniamo dietro al sesso, alla perversione, alla libertà sessuale. Cerchiamo di dare tutto ai figli, e non riusciamo a dargli il nostro tempo, non riusciamo a conoscerli ne a renderli felici.
Domani è domenica… prova anche tu che sei ancora lontano fratello o sorella, ad entrare in chiesa….
Non ti guardare intorno, ma va dritta /o verso il tabernacolo, inginocchiati e parla con Gesù, digli che sei lì per conoscerlo, ma non sai da dove cominciare, e che comincerai proprio da qui, dall’ammettere che senza il Suo aiuto, non  sai come fare.
Domani ascolta la sua parola durante la messa, vedrai che ti risponderà, resta con il cuore attento e prova a rimanere almeno un quarto d’ora al giorno sola con lui nel tuo cuore.
La prossima domenica tornerai a trovare non più uno sconosciuto, ma un tuo amico.
Vedrai che vivere nel mondo ti riuscirà più facile, non dovrai scendere a compromessi, non cercherai il successo agli occhi degli uomini, perché saprai che la tua ricchezza più grande l’hai nel cuore.
Sei figlio di Dio, amato dal Padre più d’ogni altra cosa al mondo ,e tutto quello che conta te lo darà Lui, chiedi e ti sarà dato! Chiedi la fede e ti darà la vita eterna.Dio non ti chiede di diventare da solo un' anima fervente d' amore, ma di affidarti all'amore per imparare ad amare la tua vita eterna più della passeggera vita terrena.Io non amo chiamare Dio gli idoli che ci creiamo, perchè non sono come Dio,ma proprio l'opposto.Voglio ricordare le parole del Papa: Nella mentalità dominante si oppone di solito alla fede l’ateismo, soprattutto l’agnosticismo. Invece la “Lume fidei”, in base al dato biblico, oppone alla fede l’“idolatria”. Di fatto l’ateismo non esiste, la soluzione agnostica non regge. Nessun uomo può vivere anche un solo istante, senza affermare qualcosa o qualcuno o se stesso come il tutto. E’ ciò che la Sacra Scrittura chiama “idolo”: la fede ci libera Vorrei che ci fermassimo un attimo solo a pensare se a questi idoli possiamo parlare; se a questi idoli sta a cuore la nostra felicità; se ascoltano le nostre suppliche, se possiamo fidarci di quello che sembrano promettere,visto che per noi solo Gesù ha saputo versare  sangue. 

3 commenti:

  1. MY REFLECTION
    PRAYER
    Come, O Holy Spirit, God's love for us, come and help me to live with you this page of the Gospel, come and make me understand what counts for the eternal life that awaits me in the arms of the Lord, come and help me because things of the earth not to cloud my thoughts.

    No need to store up treasures on earth to be safe, because no one knows when it will end our lives, indeed, sometimes this love of money creates many conflicts in families.The Lord of us all that we need if we entrust our lives to Him, but what matters is that it gives us the opportunity to save our life and our soul, but not accumulating assets on earth, but working to accumulate treasures in heaven.Follow the gospel, comportaci by the faithful Christian, against all odds, get in imitation Mary and the Saints, trying to follow in the footsteps of Christ and to see the world through his eyes.It is not easy, but not impossible as it may seem, in the end we are not asked anything striking at least the beginning of the journey of faith. Pray, honor the Lord at least one day a week, to confess to a priest, our failures, as well as we would do in front of Jesus and take communion.
    Everything else will be a gift and in abundance, putting ourselves at the school of Christ, just as they did his disciples. If we fail in front of a priest who is very similar to us, to confess our sins, as we can think of come before Jesus, who is the infinite light? We must be humble, this is perhaps the most important thing, so humble to recognize that without God our life is a traffic jam in the middle of traffic, and as we do, we do not feel good. Are the treasures we accumulate to be free content, harmony.Let the love and we can no longer recognize it because we look at much lower levels than those who love God offers us, and behind us affanniamo sex, perversion and sexual freedom. We try to give everything to their children, and we can not give our time, we can not know it to make them happy ...In this year of the faith, test yourself that you're nowhere near a brother or sister, to enter the church. Do not look around, but goes straight / or toward the tabernacle, Jesus knelt down and talk to him, tell him you're there to know, but do not know where to start, and that will begin from here, from 'admit that if he does not help you You do not know how.During commissioning listens to his word, it'll respond, stay with our hearts attentive and try to stay at least a quarter of an 'hour a day alone with him in your heart. Next Sunday will return to find no longer a stranger, but your best friend. You will see that you will be able to live in the world easier, you do not have to compromise, do not seek success in the eyes of men, because you know that your greatest asset you have in your heart. You are a child of God, loved by the Father more than anything else in the world, and all that matters will give it to him, ask and you shall receive! Ask the faith and give you eternal life.
    God does not ask you to become only a fervent soul of love, but of relying on the love of learning to love your life more than the fleeting eternal life on earth.
    I do not like to call God the idols that we create, because they are not as God, but just the opposite.
    I want to remember the words of the Pope: In the prevailing mentality is opposed to faith usually atheism, especially the agnosticism. Instead, the "Lume fidei", according to the biblical data, opposed to the faith "idolatry." In fact, the atheist does not exist, the agnostic solution does not hold. No man can live even a single moment, without asserting something or someone or himself as the whole. is what the Scripture calls "idol": faith liberates us.
    I wish we stopped for a moment just to think if we can talk to these idols, and if these idols care about our happiness, if they listen to our prayers, if we can trust what they seem to promise, because for us only Jesus knew shed blood.

    RispondiElimina
  2. MI REFLEXIÓN
    ORACIÓN
    Ven, oh Santo Espíritu, el amor de Dios por nosotros, ven y ayúdame a vivir con ustedes esta página del Evangelio, ven y hazme entender lo que cuenta para la vida eterna que me espera en los brazos del Señor, ven y ayúdame porque las cosas de la tierra no a nublar mis pensamientos.
    No hay necesidad de almacenar tesoros en la tierra para estar seguro, porque nadie sabe cuándo terminará nuestra vida, de hecho, a veces este amor por el dinero crea muchos conflictos en las familias.El Señor nos da todo lo que necesitamos si confiamos nuestras vidas a Él, pero lo que importa es que nos da la oportunidad de salvar nuestra vida y nuestra alma, aunque no la acumulación de activos en la tierra, pero trabajando para acumular tesoros en el cielo.Siga el evangelio, comportaci por los fieles cristianos, a pesar de todo, ponerse en imitación de María y de los Santos, tratando de seguir los pasos de Cristo y de ver el mundo a través de sus ojos.No es fácil, pero no imposible como puede parecer, al final no se nos pide nada sorprendente, al menos al comienzo de la jornada de fe. Oren, honrar al Señor por lo menos un día a la semana, para confesar a un sacerdote, nuestros fracasos, así como que íbamos a hacer frente a Jesús y tomar la comunión.Todo lo demás será un regalo y en abundancia, poniéndonos en la escuela de Cristo, tal como lo hicieron sus discípulos. Si no delante de un sacerdote que es muy similar a nosotros, confesar nuestros pecados, ya que podemos pensar en venir ante Jesús, quien es la luz infinita?Debemos ser humildes, esto es tal vez lo más importante, tan humilde para reconocer que sin Dios la vida es un atasco de tráfico en medio del tráfico, ya medida que lo hace, no me siento bien. Son los tesoros que se acumulan para ser contenido libre, la armonía.Deja que el amor y ya no podemos reconocerlo porque miramos a niveles mucho más bajos que los que aman a Dios nos ofrece, y detrás de nosotros affanniamo sexo, la perversión y la libertad sexual. Nosotros tratamos de dar todo a sus hijos, y no podemos dar nuestro tiempo, no podemos saberlo para que sean felices ...En este año de la fe, de probarse que no tienes ningún lugar cerca de un hermano o hermana, para entrar en la iglesia. No busques más, pero va directo / o hacia el tabernáculo, Jesús se arrodilló y hablar con él, decirle que usted está allí para saberlo, pero no saben por dónde empezar, y que comenzará a partir de aquí, de "admitir que si no le ayuda Usted no sabe cómo.Durante la puesta en escucha de su palabra, que va a responder, quédate con el corazón atento y tratar de mantenerse por lo menos un cuarto de hora en un día a solas con él en su corazón. El próximo domingo volverá a encontrar ya no es un desconocido, pero su mejor amigo. Usted verá que usted será capaz de vivir en el mundo más fácil, usted no tiene que comprometerse, no buscan el éxito a los ojos de los hombres, porque sabe que su activo más importante que tiene en su corazón. Usted es un hijo de Dios, amado por el Padre más que a nada en el mundo, y todo lo que importa se lo dará a él, pedir y se os dará! Pregunte a la fe y darte la vida eterna.Dios no pide que te conviertas en solo un alma ardiente de amor, sino de confiar en el amor de aprender a amar la vida más que la vida eterna terrenal y efímera.(c0NTINUA)

    RispondiElimina
  3. (CONTINUA)No me gusta llamar a Dios los ídolos que creamos, porque no son como Dios, sino todo lo contrario.Quiero recordar las palabras del Papa: En la mentalidad dominante se opone a la fe por lo general el ateísmo, sobre todo el agnosticismo. En cambio, el "Lume fidei", de acuerdo con los datos bíblicos, se opuso a la fe "idolatría". De hecho, el ateo no existe, la solución agnóstico no se sostiene. Ningún hombre puede vivir ni un solo momento, y sin afirmar algo o alguien o de sí mismo como el todo. es lo que la Escritura llama "ídolo": la fe nos libera.Ojalá nos detuvimos por un momento sólo para pensar si podemos hablar con sus ídolos, y si estos cuidados ídolos de nuestra felicidad, si escuchan nuestras oraciones, si podemos confiar en lo que parecen prometer, porque para nosotros sólo Jesús sabía derramar sangre.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.