sabato 8 giugno 2013

(Lc 7,11-17) Ragazzo, dico a te, alzati!

VANGELO
 (Lc 7,11-17) Ragazzo, dico a te, alzati!

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla. 
Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei. 
Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: «Non piangere!». Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: «Ragazzo, dico a te, àlzati!». Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre. 
Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: «Un grande profeta è sorto tra noi», e: «Dio ha visitato il suo popolo». 
Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.

Parola del Signore


LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Ti prego, o Santo Spirito, di essermi amico, compagno fedele, nonostante le mie infedeltà. Perfezionami, perché sono piena di mancanze,  non guardare le mie colpe, ma la mia voglia di appartenerti veramente e per sempre. Fa che questo mio sogno, diventi realtà.

Mentre continua il peregrinare di Gesù, seguito dai discepoli, ecco che alle porte della città di Nain, incontrano un funerale. C’ era una madre che piangeva il figliolo morto, ed era un dolore che schiacciava la donna, che non aveva più altro motivo apparentemente per vivere, perché oltre al suo unico figlio, aveva perso già anche il marito.
Gesù passava di lì e si commosse davanti a tanto dolore! Vediamo ancora una volta, come successe con Lazzaro, che davanti alla morte e al dolore Gesù si commuove, che la fede deve superare il dolore attraverso la speranza della resurrezione.
Questo ragazzo può simboleggiare ognuno di noi, o dei nostri figli, morto alla vita eterna a causa del peccato. 
Gesù va oltre la morte, perché il suo amore e la sua misericordia, lo legano alla nostra salvezza come un bene inscindibile, neanche la nostra adesione al peccato, ferma il suo perdono.
Questo brano mi porta, da mamma, a pensare a quanti nostri figli, si perdono per le strade del mondo, dietro a quelle luci che li attirano, dietro a  quella che si spaccia per libertà, ma che è spesso una trappola mortale. Quanti genitori perdono la speranza di vedere i loro figli tornare verso la retta via? Quanti genitori potrebbero con la loro preghiera attirare sui figli la mano salvifica del Signore, ma  non lo fanno, perché anche loro sono lontani dal Signore, oppure la loro fede è inconsapevole, tiepida, o addirittura inerte.
In questo li vedo che accompagnano i loro figli ormai morti alla grazia, e neanche si rendono conto della misericordia di Gesù.
Ieri abbiamo visto la supplica del centurione pagano, ricordiamo quella della figlia del capo della sinagoga e quella delle sorelle di  Lazzaro…di questa vedova non leggiamo la supplica, ma vediamo le lacrime di dolore,  che commossero Gesù. Credo che non servano parole per spiegare che la salvezza è una grazia che Gesù brama di concedere, perché la nostra vita è la sua gioia.
La madre gioisce per il ritorno in vita del figlio, come la Madonna, Madre della Chiesa, esulta per la conversione dei peccatori, figli strappati alla morte.
Non limitiamoci ad andare nei Santuari a fare i turisti, ma riportiamo con noi, impressi nel nostro cuore, i messaggi della Madonna. Preghiera e digiuno per la salvezza dei peccatori, senza dimenticare MAI, che noi siamo tra questi, e che dobbiamo amare il nostro prossimo come Dio ci ama.

2 commenti:

  1. MY REFLECTION
    PRAYER
    I beg you, O Holy Spirit, be my friend, faithful companion, in spite of my infidelity. Perfezionami because they are full of shortcomings, do not look at my faults, but my desire to really belong to you and forever. Let this my dream come true.
    While continuing the wandering of Jesus, followed by his disciples, behold, at the gates of the city of Nain, they encounter a funeral. There was a mother who cried her son died, and it was a pain that crushed the woman, who apparently had no other reason to live, because in addition to his only son, he had already lost her husband too.
    Jesus was passing by and was moved in front of so much pain! We see once again, as it did with Lazarus, who before death and pain Jesus is moved, that faith must overcome the pain through the hope of the resurrection. This guy can symbolize each of us, or our children, dead to eternal life because of sin.
    Jesus goes beyond death, because his love and his mercy, bind him to our salvation as a good inseparable, even our attachment to sin, stops his forgiveness.
    This song takes me, from mom, think about how our children are lost in the streets of the world, behind those lights that attract them, behind the one who claims to freedom, but that is often a death trap. How many parents lose hope of seeing their children return to the right path? How many parents with their prayers could attract the children the Lord's saving hand, but they do not, because they are away from the Lord, or their faith is unaware, warm, or even inert.
    In this I see them accompanying their children now dead to grace, and not even realize the mercy of Jesus
    Yesterday we saw the words of the Centurion pay, remember that the daughter of the ruler of the synagogue and the sisters of Lazarus, of the widow ... do not read the petition, but we see the tears of pain that moved Jesus I believe that you have no words to explain that salvation is a grace that Jesus longs to give, so that our life is his joy.
    The mother rejoices in the return to life of the child, as Our Lady, Mother of the Church rejoices in the conversion of sinners, children torn to death. Do not let's go to the shrines to make the tourists, but we report with us, etched in our hearts, Our Lady's messages. Prayer and fasting for the salvation of sinners, not to mention NEVER, that we are among them, and that we should love our neighbor as God loves us.

    RispondiElimina
  2. MI REFLEXIÓN
    ORACIÓN
    Te ruego, oh Espíritu Santo, sea mi amigo, compañero fiel, a pesar de mi infidelidad. Perfezionami porque están llenos de defectos, no mires a mis defectos, pero mi deseo de pertenecer realmente a usted y para siempre. Que este mi sueño hecho realidad.
    Mientras continúa el deambular de Jesús, seguido por sus discípulos, he aquí, a las puertas de la ciudad de Nain, se encuentran con un funeral. Había una madre que lloraba a su hijo muerto, y era un dolor que aplastó a la mujer, que al parecer no tenía otra razón para vivir, porque además de su único hijo, que ya había perdido a su marido también.
    Jesús pasaba y se colocó delante de tanto dolor! Vemos una vez más, como lo hizo con Lázaro, que antes de la muerte y el dolor de Jesús se conmueve, que la fe debe superar el dolor a través de la esperanza de la resurrección. Este chico puede simbolizar cada uno de nosotros, o nuestros hijos, muertos a la vida eterna por el pecado.
    Jesús va más allá de la muerte, porque su amor y su misericordia, él se unen a nuestra salvación como un buen inseparables, incluso nuestro apego al pecado, detiene su perdón.
    Esta canción me lleva, de la mamá, piensa en cómo se pierden nuestros hijos en las calles del mundo, detrás de esas luces que les atraen, por detrás de la persona que reclama la libertad, sino que a menudo es una trampa mortal. ¿Cuántos padres pierden la esperanza de ver a sus hijos regresen a la senda correcta? ¿Cuántos padres con sus oraciones puedan atraer a los niños mano salvadora del Señor, pero no lo hacen, ya que están lejos del Señor, o su fe no es consciente, caliente, o incluso inerte.
    En esto veo que los acompañen a sus hijos ya muertos a la gracia, y no se dan cuenta la misericordia de Jesús
    Ayer vimos las palabras del pago Centurion, recuerde que la hija del jefe de la sinagoga y de las hermanas de Lázaro, de la viuda ... no lee la petición, pero no vemos las lágrimas de dolor que movió a Jesús creo que no tiene palabras para explicar que la salvación es una gracia que Jesús quiere dar, para que nuestra vida es su alegría.
    La madre se regocija en el retorno a la vida del niño, como la Virgen, Madre de la Iglesia se alegra en la conversión de los pecadores, los niños desgarrado a la muerte. No vamos a ir a los santuarios para que los turistas, pero nos informan con nosotros, grabado en nuestros corazones, mensajes de Nuestra Señora. Oración y ayuno por la salvación de los pecadores, por no hablar nunca, que estamos entre ellos, y que debemos amar a nuestro prójimo como Dios nos ama.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.