domenica 23 giugno 2013

(Lc 1,57-66.80) Giovanni è il suo nome.

VANGELO 
(Lc 1,57-66.80) Giovanni è il suo nome.

+ Dal Vangelo secondo Luca

Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». 
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’ istante si aprirono la sua bocca e la sua lingua, e parlava benedicendo Dio. 
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.

Parola del Signore

(Lc 1,57-66.80) Giovanni è il suo nome.

LA MIA RIFLESSIONE
 PREGHIERA 
Vieni o Spirito Santo, ed aiutami a conoscere la tua parola, fa che io possa capire ogni cosa tu vuoi che capisca, e che sappia scrivere secondo il tuo consiglio.
 Una cosa che mi salta all'occhio è come sia stato Dio a decidere tutto, anche il nome del bambino; incredulo il povero Zaccaria aveva dubitato, mentre offriva incenso sull'altare del Signore...Quanti di noi sono come Zaccaria, compiamo dei gesti senza una vera convinzione, preghiamo senza credere veramente...andiamo a messa distratti, facciamo la comunione incoscienti. Ma quando l'amore di Dio nasce, come viene alla luce il piccolo Giovanni, ecco la grazia. Giovanni, il precursore di Gesù, Giovanni il profeta, un uomo che era stato nel deserto per molti anni, e che aveva al suo seguito molti discepoli, un uomo che parlava nel nome del Signore, annunciava la venuta del Messia, ed era temuto per la sua predicazione quasi come Gesù stesso.Bellissime le parole di Gesù nei suoi confronti, quando dice: non c'è figlio d'uomo più grande di Giovanni. Da prima della sua nascita all'ultimo dei suoi giorni, Giovanni è stato il filo conduttore tra Dio e Gesù e tra questo e gli uomini..Oggi vediamo che lo Spirito Santo agisce su di noi in maniera mirabile, tanti profeti sorgono, profeti dei giorni nostri, che anche se non sono veggenti, vivono nella vita di tutti i giorni il loro rapporto con il Signore in umiltà e sono motivo di conversione per molti...piccoli semi di senape nel solco dell'amore di Dio che danno frutti copiosi e neanche se ne accorgono, piccole persone che pregano da tantissimi anni, col rosario in mano, ne ricordo una col suo latino sbiascicato, che seguiva la messa senza capirla, ma con una fede che anche se era seduta tra i banchi della chiesa, io la ricordo in ginocchio..una donna da sempre vecchia, con le mani rugose di terra e la schiena china dai panni lavati al fiume...una vecchia così io l' ho sempre vista nella mia vita...e mi ha fatto sempre tanta tenerezza e rispetto..noi che vogliamo sempre conoscere, sapere, scrutare....lei che si affidava alla corona del rosario! Cerchiamo anche noi, di lasciare un segno semplice del nostro passaggio sulla terra, di essere finalmente figli di Dio più che uomini.

2 commenti:

  1. MI REFLEXIÓN
    ORACIÓN
    Ven Oh Espíritu Santo, y me ayude a saber su palabra es que puedo entender todo lo que quieras que entender, y quién sabe cómo se escribe de acuerdo con su consejo.
    Una cosa que salta a la vista es la forma en que fue a Dios para decidir todo, incluso el nombre del niño, la incredulidad en los pobres Zacarías dudó, ofreciendo incienso en el altar del Señor. ¿Cuántos de nosotros somos como Zacarías, hacemos gestos sin verdadera convicción, orar sin creer realmente ... vamos a Misa distraído, hacemos la comunión inconsciente.Pero cuando nace el amor de Dios, ya que está en la luz del pequeño John, aquí la gracia. Juan, el precursor de Jesús, Juan el profeta, un hombre que había estado en el desierto durante muchos años, y tuvo muchos discípulos que le siguen, un hombre que hablaba en nombre del Señor, anunciando la venida del Mesías, y se temía su predicación casi como las palabras de Jesús stesso.Bellissime Jesús contra él cuando dice que no hay hijo del hombre es más grande que Juan. Desde antes de su nacimiento hasta el último de su vida, Juan fue el hilo conductor entre Dios y Jesús y entre éste y los hombres.
    Hoy vemos que el Espíritu Santo actúa en nosotros de una manera maravillosa, surgen muchos profetas, los profetas de nuestros días, que aun cuando no son visionarios, que viven en la vida de todos los días de su relación con el Señor en humildad y son motivo de conversión para muchos ... pequeñas semillas de mostaza en la estela del amor de Dios que da fruto abundante, y ni siquiera se da cuenta, la gente pequeña orando por muchos años, con el rosario en la mano, me acuerdo de uno con su sbiascicato América, que siguió a la misa sin entenderlo, pero con una fe que a pesar de que él estaba sentado en las bancas de la iglesia, me acuerdo de una mujer de rodillas .. siempre viejo, con las manos arrugadas de la tierra y la espalda china ropas bañadas por el río ... un viejo, así que siempre he visto en mi vida ... y siempre he sido tanta ternura y respeto que .. siempre queremos saber, conocer, examinar su .... que se basaba en el rosario! Veamos también, dejar una simple señal de nuestro paso en la tierra, para finalmente ser hijos de Dios antes que a los hombres.

    RispondiElimina
  2. MY REFLECTION
    PRAYER
    Come O Holy Spirit, and help me to know Your word is that I can understand everything you want it to understand, and who knows how to write according to your advice.
    One thing that jumps to the eye is how it was to God to decide everything, even the name of the child; disbelief at the poor Zechariah doubted, while offering incense on the altar of the Lord. How many of us are like Zechariah, we make gestures with no real conviction, pray without really believing ... we go to Mass distracted, we make the unconscious communion.But when the love of God is born, as it is in the light of the little John, here's grace. John, the forerunner of Jesus, John the prophet, a man who had been in the desert for many years, and had many disciples to follow him, a man who spoke in the name of the Lord, announcing the coming of the Messiah, and it was feared his preaching almost like Jesus stesso.Bellissime Jesus' words against him when he says there is no son of man is greater than John. From before his birth to the last of his life, John was the common thread between God and Jesus and between this and men.Today we see that the Holy Spirit acts upon us in a wonderful way, many prophets arise, prophets of our day, that even if they are not visionaries, they live in the life of every day their relationship with the Lord in humility and are cause for conversion for many ... small mustard seeds in the wake of the love of God that give abundant fruit and not even realize it, small people praying for many years, with the rosary in hand, I remember one with his Latin sbiascicato, which followed the Mass without understanding it, but with a faith that even though he was sitting in the pews of the church, I remember a woman on her knees .. always old, with wrinkled hands of the earth and back china clothes washed by the river ... an old so I I've always seen in my life ... and I was always so much tenderness and respect that .. we always want to know, know, scrutinizing her .... that relied on the rosary! Let us also, to leave a simple sign of our passage on earth, to finally be children of God rather than men.

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.