venerdì 22 marzo 2013

(Gv 11,45-56) Per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi.


VANGELO 
(Gv 11,45-56) Per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi.
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, molti dei Giudei che erano venuti da Maria, alla vista di ciò che Gesù aveva compiuto, [ossia la risurrezione di Làzzaro,] credettero in lui. Ma alcuni di loro andarono dai farisei e riferirono loro quello che Gesù aveva fatto. Allora i capi dei sacerdoti e i farisei riunirono il sinèdrio e dissero: «Che cosa facciamo? Quest’uomo compie molti segni. Se lo lasciamo continuare così, tutti crederanno in lui, verranno i Romani e distruggeranno il nostro tempio e la nostra nazione». Ma uno di loro, Caifa, che era sommo sacerdote quell’ anno, disse loro: «Voi non capite nulla! Non vi rendete conto che è conveniente per voi che un solo uomo muoia per il popolo, e non vada in rovina la nazione intera!». Questo però non lo disse da se stesso, ma, essendo sommo sacerdote quell’ anno, profetizzò che Gesù doveva morire per la nazione; e non soltanto per la nazione, ma anche per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi. Da quel giorno dunque decisero di ucciderlo.Gesù dunque non andava più in pubblico tra i Giudei, ma da lì si ritirò nella regione vicina al deserto, in una città chiamata Èfraim, dove rimase con i discepoli. Era vicina la Pasqua dei Giudei e molti dalla regione salirono a Gerusalemme prima della Pasqua per purificarsi. Essi cercavano Gesù e, stando nel tempio, dicevano tra loro: «Che ve ne pare? Non verrà alla festa?».

Parola del Signore
(Gv 11,45-56) Per riunire insieme i figli di Dio che erano dispersi.
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Lo Spirito del Signore sia su di me, perchè mi ha consacrato nel santo battesimo. Corpo di Cristo, salvami, Sangue di Cristo lavami da tutte le impurità del mio corpo e fa che io sia tuo strumento, tua luce, che sappia dove andare e illumini la via di chi mi vuol seguire, di chi Tu chiamerai a seguirmi. Amen.

Che strazio questo Gesù! Ma chi è? Perchè viene a interrompere i nostri bei giochi di potere e prestigio? Come possiamo eliminarlo perchè non faccia più danni di quelli che ha già fatto?
Molto probabilmente è questo il pensiero dei farisei e dei giudei che si riunirono quel giorno. Loro si erano sistemati a fatica nella condivisone del potere con i romani e questo uomo veniva a scombinare i piani. Dio fino ad allora non li aveva infastiditi? Lasciava a loro gestire la parola, la legge di Mosè era in mano loro, ed adesso quest' uomo, che aveva poteri incredibili, attirava le folle a se e metteva in discussione la loro fede ed i loro atteggiamenti. Aveva osato chiamarli sepolcri imbiancati; no, basta! Quest' uomo doveva morire!!!!!
Quante volte la nostra coscienza si è ribellata alla parola di Dio, all' annuncio dell' Amore; quante volte tutto quello che abbiamo faticosamente conquistato in questa terra si è messo tra noi e Dio? Sembra incredibile come la parola di allora sia attuale e anche troppo, nei giorni nostri e qualcuno pensava che la Bibbia sia solo un libro vecchio di 2000 anni senza senso oggi. Gesù è verità, quando disse che le cose della terra passeranno, ma la sua parola non passerà, sapeva perfettamente quello che diceva, siamo stolti noi, che non facciamo nulla per capire con quanto amore, lui ci parla ancora oggi. La sua è quasi un' implorazione, non un rimprovero. Lui aspetta che noi vediamo quanto ci ama, perchè ci cerca, perchè compie miracoli, perchè vince la morte e ancor di più, cosa è disposto a fare per noi!
Tutto è scritto, e Lui accetta il volere del Padre, costi quel che costi, soffre sia nel corpo che nello spirito per noi; nessuna angoscia gli viene risparmiata, ma lo fa e va avanti fino alla fine, per dimostrarci fino a che punto Dio ci ama.
Tutta la sua venuta sulla terra è un grido di disperazione, convertitevi e credete al Vangelo! Convertitevi e vivete il Vangelo. Non pensate alla vostra vita agiata, al potere al successo, al denaro, agli idoli del momento, ma raccoglietevi in preghiera e ascoltate la voce del Signore: AMATEVI L' UN L'ALTRO COME IO HO AMATO VOI!
Quando ho cominciato a scrivere questa riflessione,  non sapevo dove lo Spirito mi avrebbe portato; ora che sono a questa frase, mi rendo conto che sono,ancora una volta, davanti all' amore misericordioso di Dio che è per me è la risposta ad una chiamata ricevuta anni fa nel santuario di Collevalenza. Per riflettere la luce del Signore, bisogna viverla, nella preghiera e nelle opere e far uscire da noi stessi quelli che sono i nostri interessi terreni, i nostri dei.
In molti che si sentono vicini a Dio (a modo loro) non ritengono di dover fare questo, di dover rinunciare a nulla, perchè loro vivono in questo mondo ... non nell'altro. Io non intendo dire di  vivere fuori dal mondo,ma nella nostra giornata giornata far posto al Signore.
A  volte testimoniare la propria fede è faticoso, è difficile, perchè chi non ti da della bigotta,ti da dell' invasata, e mi verrebbe voglia di mollare, di non sollecitare  gli altri perchè si sveglino, è umanamente il mio pensiero ogni tanto, anche scrivere questa pagina oggi è stato doloroso. Dio ci ama, svegliamoci, non facciamo che muoia dentro di noi, non andiamo da nessuna parte senza di Lui.  Eccomi,Signore io vengo a te, con i miei difetti, con le mie paure, le mie angosce  le mie lacrime e i miei sorrisi ... tutto quello che ho ti appartiene, usami, ed io non avrò' vissuto inutilmente in questo mondo. Provate a ripeterlo con me: eccomi Gesù, io mi consacro a te!

2 commenti:

  1. MY REFLECTION
    PRAYER
    The Spirit of the Lord is upon me, because he has anointed in holy baptism. Body of Christ, save me Blood of Christ, wash me from all impurity of my body and let me be your instrument, your light, who knows where to go and illuminate the way of those who want to follow me, who will call you to follow me. Amen.
    What torment this Jesus! Who is it? Why come to stop our best games of power and prestige? How can we eliminate it because it does more damage than has already been done?
    Most likely this is the thought of the Pharisees and of the Jews who gathered that day.They had settled with difficulty in sharing power with the Romans and this man was to upset the plans. God until then he had not bothered. Let them handle the word, the law of Moses was in their hands, and now this man, he had incredible powers, drew crowds of him and questioned their faith and their attitudes. He dared to call them whitewashed tombs, no, stop! This man must die!!
    How many times our conscience rebelled against the word of God, the announcement of Love, how many times all we have in this hard-won land is put between us and God? It seems incredible that the word then, both current and too much in these days and some people thought that the Bible is just a book 2000 years old with no sense today. Jesus is truth, when he said that the things of earth will pass away, but his word shall not pass away, knew perfectly well what he was saying, we are fools us, that we do nothing to understand how much love he still speaks to us today.
    His is almost a plea, not a reproach.
    He expects us to see how much he loves us, because we look for, because it performs miracles, because conquers death and even more, it is willing to do for us! Everything is written, and He accepts the Father's will, whatever the cost, suffer both body and spirit for us, no anguish he was spared, but he does and goes on until the end, to show us the extent to which God loves us.
    All his coming to earth is a cry of despair, repent and believe the Gospel! Repent and live the gospel. Do not think of your comfortable life, power, success, money, idols of the moment, but gather in prayer and listen to the voice of the Lord: A LOVE ONE ANOTHER AS I HAVE LOVED THE YOU!
    When I started writing this reflection, I did not know where the Spirit would lead me, now that I'm in this sentence, I realize that I am, once again, in front of the merciful love of God which is to me is the response to a call received years ago in the sanctuary of Collevalenza.To reflect the light of the Lord, one must live it, in prayer and in the works to come out of ourselves and those who are our earthly interests, our gods.
    In many who feel close to God (in their way) do not feel they have to do this, having to give up anything, because they live in this world ... not in the other. I do not mean to live out of the world, but in our day to day place for the Lord. Sometimes one's faith is hard, it is difficult, because who does not give you the bigoted, gives you the possessed, and I would want to give up, not to solicit others because they wake up, it is humanly my thoughts every now and then, even write this page today was painful.
    God loves us, wake up, do not do that dies within us, we do not go anywhere without him Yes, Lord, I come to you with my faults, with my fears, my fears, my tears and my smiles ... everything I have is yours, use me, and I will not have 'lived in vain in this world. Just repeat after me: I am Jesus, I consecrate myself to you!

    RispondiElimina
  2. MI REFLEXIÓN
    ORACIÓN
    El Espíritu del Señor está sobre mí, porque me ha ungido en el santo bautismo. Cuerpo de Cristo, sálvame Sangre de Cristo, lávame de todas las impurezas de mi cuerpo y déjame ser tu instrumento, tu luz, quién sabe a dónde ir e iluminar el camino de los que quieren seguirme, que se comunicará con usted para seguirme. Amen.
    ¿Qué tormento a este Jesús! ¿Quién es? ¿Por qué vienen a parar nuestros mejores juegos de poder y prestigio? ¿Cómo podemos eliminar, ya que hace más daño del que ya se ha hecho?
    Lo más probable es el pensamiento de los fariseos y de los Judios que se reunieron ese día. Ellos se habían establecido con dificultad para compartir el poder con los romanos y este hombre, para alterar los planes. Dios hasta entonces no se había molestado. Vamos a manejar la palabra, la ley de Moisés estaba en sus manos, y ahora este hombre, que tenía poderes increíbles, atrajo a una multitud de él y le preguntó su fe y sus actitudes. Se atrevió a llamar a los sepulcros blanqueados, no, detente! Este hombre debe morir!
    ¿Cuántas veces nuestra conciencia se rebeló en contra de la palabra de Dios, el anuncio del amor, ¿cuántas veces lo único que tenemos en esta tierra ganada se coloca entre nosotros y Dios? Parece increíble que la palabra entonces, tanto actuales como demasiado en estos días y algunas personas pensaron que la Biblia es un libro de 2000 años de antigüedad sin ningún sentido hoy en día. Jesús es la verdad, cuando dice que las cosas de la tierra pasarán, pero su palabra no pasará, sabía perfectamente lo que estaba diciendo, somos tontos nosotros, que no hacemos nada para entender cuánto amor que aún nos habla hoy.
    La suya es casi una súplica, ni un reproche.
    Él espera a ver lo mucho que nos ama, porque buscamos, porque hace milagros, porque vence a la muerte y aún más, está dispuesto a hacer por nosotros! Todo está escrito, y Él acepta la voluntad del Padre, a cualquier precio, tanto en el cuerpo y el espíritu para nosotros, hay angustia pudo salvar la vida, pero lo hace y continúa hasta el final, para mostrarnos hasta qué punto Dios nos ama.
    Toda su venida a la tierra es un grito de desesperación, se arrepientan y crean en el Evangelio! Arrepiéntanse y vivir el Evangelio.
    No piense en su vida cómoda, el poder, el éxito, el dinero, los ídolos del momento, pero se reúnen en oración y escuchar la voz del Señor: un amor unos a otros como yo os he amado LA USTED!
    Cuando empecé a escribir esta reflexión, yo no sé dónde está el Espíritu me llevaría, ahora que estoy en esta frase, me doy cuenta que estoy, una vez más, frente al amor misericordioso de Dios, que es para mí, es la respuesta a una llamada recibido años atrás, en el santuario de Collevalenza. Para reflejar la luz del Señor, hay que vivirla, en la oración y en las obras a salir de nosotros mismos y de los que son nuestros intereses terrenales, nuestros dioses.
    En muchos de los que se sienten cerca de Dios (a su manera), no sienten que tienen que hacer esto, tener que renunciar a nada, porque viven en este mundo ... no en el otro. No me refiero a vivir fuera del mundo, sino en nuestro día a día lugar para el Señor.
    A veces la fe es duro, es difícil, ya que no le da el fanático, le da la posesión, y me gustaría dar para arriba, no para solicitar a otros porque se despiertan, es humanamente mis pensamientos de vez en cuando, incluso escribir esta página de hoy fue doloroso.
    Dios nos ama, despierta, no hagas que muere dentro de nosotros, no vamos a ninguna parte sin él: Sí, Señor, yo vengo a ti con mis defectos, con mis miedos, mis miedos, mis lágrimas y mis sonrisas ... todo lo que tengo es tuyo, me usar, y no voy a tener 'vivido en vano en este mundo. Sólo tiene que repetir después de mí: Yo soy Jesús, me consagro a ti!

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.