sabato 17 novembre 2012

19 IL COMBATTIMENTO SPIRITUALE di LORENZO SCUPOLI


CAPITOLO XVIII
Il modo di resistere agli impulsi improvvisi delle passioni
Non essendo ancora assuefatta a parare i colpi improvvisi delle ingiurie o di altra cosa contraria,
per farvi l'abitudine impara a prevederli e a volerli poi più e più volte, aspettandoli con animo
preparato. Il modo di prevederli è che, considerata la condizione delle tue passioni, consideri
anche le persone con le quali tratterai e i luoghi che frequenterai: da questo facilmente potrai
congetturare quello che ti potrebbe avvenire. E sopravvenendoti  qualsiasi altra avversità non
pensata, oltre l'aiuto a te recato dal tenere l'animo preparato alle altre che hai previsto, potrai
maggiormente servirti di quest'altro modo.
Non appena tu cominci a sentire i primi colpi dell'ingiuria o altra cosa penosa, sta' desta, fatti
forza ed eleva la mente a Dio, considerando la sua ineffabile bontà e l'amore verso di te con cui ti
manda quell'avversità, affinché, sopportandola per suo amore, ti purifichi di più, ti accosti e ti
unisca a lui. E veduto quanto egli si compiace che tu la sopporti, rivolgiti a te stessa
riprendendoti e dicendo fra te: “Ah! Perché non vuoi sostenere questa croce, che non questi o
quegli ma il tuo Padre celeste ti manda?”. Poi rivolta alla croce, abbracciala con la maggior
pazienza e allegrezza possibili, dicendo: “O croce, fabbricata dalla  provvidenza divina prima
che io fossi! O croce, addolcita dal dolce amore  del mio Crocifisso! Inchiodarmi ormai in te
perché possa darmi a chi, morendo in te, mi ha redenta”.
E se nel principio, prevalendo in te la passione non potessi elevarti in Dio ma restassi ferita,
cerca con tutto ciò di farlo quanto prima come se ferita non fossi. Ma per efficace rimedio contro
questi impulsi improvvisi, toglierai ben presto la causa da cui procedono. Ad esempio: se per
l'affetto che hai a qualche cosa, vedi che quando in essa vieni molestata sei solita cadere
nell'improvviso turbamento dell'animo, il modo di provvedere a ciò per tempo è che tu ti abitui a
toglierne l'affetto. Se invece H turbamento procede non dalla cosa ma dalla persona della quale,
perché non ti sta a cuore, ogni piccola azione ti infastidisce e ti turba, H rimedio è che tu ti sforzi
d'inclinare la volontà ad amarla e ad averla cara: infatti oltre a essere creatura, come te formata
dalla mano sovrana e come te redenta dallo stesso sangue divino, se la sopporterai, quella
persona ti porge anche l'occasione di renderti simile al tuo Signore amoroso e benigno con tutti.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.