venerdì 8 giugno 2012

(Mc 12,38-44) Questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.


VANGELO
 (Mc 12,38-44) Questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri.
+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù diceva alla folla nel suo insegnamento: «Guardatevi dagli scribi, che amano passeggiare in lunghe vesti, ricevere saluti nelle piazze, avere i primi seggi nelle sinagoghe e i primi posti nei banchetti. Divorano le case delle vedove e pregano a lungo per farsi vedere. Essi riceveranno una condanna più severa». Seduto di fronte al tesoro, osservava come la folla vi gettava monete. Tanti ricchi ne gettavano molte. Ma, venuta una vedova povera, vi gettò due monetine, che fanno un soldo. Allora, chiamati a sé i suoi discepoli, disse loro: «In verità io vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato nel tesoro più di tutti gli altri. Tutti infatti hanno gettato parte del loro superfluo. Lei invece, nella sua miseria, vi ha gettato tutto quello che aveva, tutto quanto aveva per vivere».

Parola del Signore

LA MIA RIFLESSIONE  
PREGHIERAParlaci Signore, parla al nostro cuore, donaci la capacità di comprendere e di vivere in pieno la parola di Dio, di essere fedeli nell'interpretazione, non come vogliamo , ma come il Tuo Spirito ci guida.

 Spesso ci troviamo a confrontarci con la fede in Gesù in maniera sbagliata, con persone sbagliate che parlano molto, si rivestono della parola di Dio come di un abito che li fa belli, ma nella realtà non sanno darci nulla come insegnamento Cristiano, perché non vivono Cristo, ma la loro idea di fede e religione. Non sono le apparenze che fanno di noi dei buoni cristiani, ma una vera fede, una vera appartenenza a Cristo e allora non ci saranno impedimenti al contatto tra noi e Lui. Affidiamoci a Lui, allo Spirito che ci viene donato, più che agli uomini che si litigano il potere. La povera vedova, rappresenta colei che è fuori dalla società, perché all’epoca di Gesù, le donne non erano proprio considerate, se non come proprietà degli uomini, quindi le vedove erano come fuoriuscite dalla comunità. La donna avanza e,  silenziosamente,  pone la sua offerta nel mucchio, timorosa e piena di fede, dona tutto quello che ha al Signore e non cerca di farsi vedere, ma Gesù,  tra tanti personaggi tronfi e pieni di se, nota proprio lei, piccola e umile donna e la indica ai suoi discepoli che lo ascoltavano. Oggi che il popolo di Dio sembra più che mai sballottato da tutte le parti, attaccato fin nelle sue membra, facciamo nostro questo insegnamento, non seguiamo l’apparenza, ma la sostanza della parola di Dio; non seguiamo come pecore chi si camuffa da pastore, ma cerchiamo nella parola di Dio la luce.  Io spesso, e lo ripeto ancora una volta, vi invito a stabilire un rapporto intimo, personale con Gesù, con la sua parola, vi esorto alla preghiera individuale, fatta con parole semplici, come vi detta il cuore.  Molti cercano come me di aiutarvi qui su FB e ci aiutiamo a vicenda anche grazie alle esperienze che ognuno di noi mette a disposizione degli altri, ma nessuno di noi è il pastore, solo uno è il pastore al quale dobbiamo tutti guardare ed è Gesù Cristo.  I sacerdoti che ci guidano, i veggenti, siamo tutti uomini e tutti possiamo sbagliare, quindi affidiamoci a Gesù e Maria, non li possiamo vedere, ma sono molto più reali di tutti noi messi insieme, in loro riponiamo la nostra fiducia, preghiamo per rimanere saldi nella fede in questi brutti tempi in cui il principe del mondo sferra il suo attacco.  Aiutiamoci l’un l’altro e riusciremo a rimanere nel Signore!

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.