venerdì 9 dicembre 2011

(Lc 14-12,14) Non invitare i tuoi amici, ma poveri, storpi, zoppi e ciechi.

VANGELO, 
 (Lc 14-12,14) Non invitare i tuoi amici, ma poveri, storpi, zoppi e ciechi.
+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù disse al capo dei farisei che l’aveva invitato: 
«Quando offri un pranzo o una cena, non invitare i tuoi amici né i tuoi fratelli né i tuoi parenti né i ricchi vicini, perché a loro volta non ti invitino anch’essi e tu abbia il contraccambio. 
Al contrario, quando offri un banchetto, invita poveri, storpi, zoppi, ciechi; e sarai beato perché non hanno da ricambiarti. Riceverai infatti la tua ricompensa alla risurrezione dei giusti».

Parola del Signore

LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Dio onnipotente e misericordioso, tu solo puoi dare ai tuoi fedeli il dono di servirti in modo lodevole e degno; aiutami a servirti con questa pagina di vangelo.

Che grande uomo Gesù! Ricordo che quando ero piccola, vinsi un concorso di religione, il concorso ”veritas” alle elementari, parlando di Gesù e del fatto che era un tipo buffo, perché faceva sempre il contrario di quello che facevano gli altri.
Questo brano lo conferma in pieno, chi penserebbe di offrire  una cena  a gente sconosciuta?

Eppure questa è la via della carità, quella che lui ci indica ,che poi è la stessa che Lui ha percorso.
Infatti per carità d’amore siamo stati invitati al banchetto del regno di Dio, per compassione amorevole Gesù ha dato la sua vita in remissione dei nostri peccati ed ancora per caritatevole amore  si è donato a noi nell’Eucarestia.
L’amore vero, quello che non conosce ostacoli, quello che vuole solo e principalmente il bene dell’amato, e che non è mai abbastanza amato, è solo quello di Gesù, come diceva piangendo San Francesco, come urlava santa Teresina…. Nessuno amerebbe dei tipi come noi, ingrati ,egoisti, superbi e traditori…ed è questo che ci chiede di fare, amare gli altri come lui ci ama.
Non è facile… ma se ci proviamo sempre un po’ di più, riusciremo a capire che l’amore per gli altri,è il dono più grande che possiamo fare a noi stessi.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.