giovedì 11 agosto 2011

(Mt 19,3-12) Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così.

VANGELO
(Mt 19,3-12) Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre


mogli; all’inizio però non fu così.

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: «È lecito a un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?».
Egli rispose: «Non avete letto che il Creatore da principio li fece maschio e femmina e disse: “Per questo l’uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne”? Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
Gli domandarono: «Perché allora Mosè ha ordinato di darle l’atto di ripudio e di ripudiarla?».
Rispose loro: «Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di unione illegittima, e ne sposa un’altra, commette adulterio».
Gli dissero i suoi discepoli: «Se questa è la situazione dell’uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi».
Egli rispose loro: «Non tutti capiscono questa parola, ma solo coloro ai quali è stato concesso. Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca».

Parola del Signore



LA MIA RIFLESSIONE

 PREGHIERA


Vieni o Spirito Santo e manda a noi dal cielo,un raggio della tua luce...basterà un piccolo raggio per aprire la mia mente annebbiata dalla mia umanità,e tu dammi quel piccolo raggio e tutto intorno sparirà e sarò solo tua mio Signore,con la mente e con il cuore.



E' lecito Gesù? Quante volte noi chiediamo a Dio se è lecito ai suoi occhi quello che facciamo? Ben poche vero?Siamo noi a decidere quello che è giusto, quello che ci conviene e poi troviamo una giustificazione per cui tutto diventi lecito anche agli occhi di Dio. Dimentichiamo troppo spesso che stringiamo dei patti, facciamo delle promesse e addirittura che consacriamo questi patti. Oggi tutto si fa con troppa leggerezza, sicuramente colpa delle generazioni precedenti,sicuramente della mia generazione,quando ancora non sapevo neanche che cosa era, anche io in pieno femminismo, ho votato per il divorzio. Ma sì, se una cosa non funziona più invece di ripararla,buttiamola alle ortiche,con tutto quello che comporta,così saremo liberi di farci una nuova famiglia,avere altri figli e ricominciare da capo.... sperando che sia la volta buona, o solo fino alla prossima.
Il matrimonio celebrato in chiesa non è solo un patto tra due coniugi, ma anche un patto davanti a Dio e anche se Mosè permise al suo popolo di ripudiare la moglie, lo fece perché il suo popolo era duro di cuore, come quello di oggi.
Io non condivido oggi, che rispondo al nome di Cristiana, il cosiddetto divorzio, e tantomeno l' annullamento del Matrimonio, neanche da parte della Chiesa. Posso accettare l' allontanamento per gravi motivi come il pericolo di vita per un coniuge o per i figli, ma il matrimonio resta sacro e quindi per me solo Dio può mettere fine ad un'unione tra due persone.Questo non significa che giudico chi si è separato  o ha creato nuove famiglie, proprio perchè solo a Dio spetta il giudizio, e lo vorrei mettere bene in chiaro; proprio perchè a volte veniamo tutti accusati di essere dei bigotti perchè cerchiamo di fare nostre le regole di Dio.
Appunto "FARE NOSTRE", non costringere altri a a rispettarle, perhè ogni scelta di vita è "PERSONALE", ogni cammino di fede è "INDIVIDUALE".
Succede però,nella nostra moderna società,che le leggi degli uomini non combacino con le leggi di Dio, ed è giusto che un Cristiano che segue il cammino di Cristo, sappia bene che, anche se le leggi civili siano più permissive, delle leggi di Dio, queste servono per una società giusta e serena. Oggi invece sembra di vivere in un grande supermarket dell'egoismo, dove all' insegna dell' usa e getta, nessuno cerca più di far funzionare le unioni, anzi tutti si danno da fare per consigliare la separazione, l'aborto,e prestano a satana la loro voce che s' innalza sopra a tutto con fare prepotente e tende a soffocare la voce del cuore.
C ' è un vecchio proverbio che dice "chi sbaglia paga!" ma non va più di moda e se uno confonde il sesso con    
 l' amore e si sposa, oppure dopo un po' si disamora, come con un giornale già letto fa una bella pallottola di carta e butta via tutto e pensa di non pagarne mai le conseguenze. Da questo concetto ne scattano altri, che tendono a giustificare tutto, perché la felicità dei figli oggi non si valuta sulle sicurezze morali, ma su quelle materiali,e quindi se nei figli crescerà la consapevolezza che niente è per sempre, non è un grande danno.
Per la durezza del nostro cuore Mosè, la Chiesa, la legge aprono certe porte, ma da quelle porte esce anche       l' amore e ci allontaniamo da Dio che è la fonte dell'amore.
Chiedo scusa se ho ferito qualcuno, so che questo è un bruttissimo discorso e fa male a molti, ma io non intendo giudicare nessuno, sia ben chiaro, anche io, l'ho detto all'inizio, sono colpevole di tanta indifferenza verso l'indissolubità del matrimonio;potessi tornare indietro voterei no per il divorzio, ma tanto non cambierebbe di molto, oggi l'uomo fa le leggi per violarle, non per rispettarle e nel pieno consenso generale.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.