sabato 23 luglio 2011

(Mt 13,44-52) Vende tutti i suoi averi e compra quel campo.

VANGELO 
(Mt 13,44-52) Vende tutti i suoi averi e compra quel campo. 
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo Gesù disse ai suoi discepoli: 

«Il regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo; un uomo lo trova e lo nasconde; poi va, pieno di gioia, vende tutti i suoi averi e compra quel campo.
Il regno dei cieli è simile anche a un mercante che va in cerca di perle preziose; trovata una perla di grande valore, va, vende tutti i suoi averi e la compra.
Ancora, il regno dei cieli è simile a una rete gettata nel mare, che raccoglie ogni genere di pesci. Quando è piena, i pescatori la tirano a riva, si mettono a sedere, raccolgono i pesci buoni nei canestri e buttano via i cattivi. Così sarà alla fine del mondo. Verranno gli angeli e separeranno i cattivi dai buoni e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti.
Avete compreso tutte queste cose?». Gli risposero: «Sì». Ed egli disse loro: «Per questo ogni scriba, divenuto discepolo del regno dei cieli, è simile a un padrone di casa che estrae dal suo tesoro cose nuove e cose antiche».

Parola del Signore.
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA

Spirito d’amore vieni in noi; Spirito consolatore, vieni in noi, Spirito di preghiera vieni in noi; Spirito di adorazione, vieni in noi.Santo Spirito vieni in noi.
Spirito di potenza, vieni in noi; Spirito liberatore, vieni in noi. Santo Spirito vieni in noi! 

Il regno dei cieli ha dei connotati ben precisi, non facili da misurare con la nostra metrica di uomini, ma semplicissimo se lo vediamo dal punto di vista di Gesù.
Tutti siamo uguali agli occhi di Dio, e se lo cerchiamo con fede, Egli non tarderà a farsi trovare.
Noi crediamo sempre di sapere che cosa conta nella vita, che cosa è importante per essere felici, per sentirsi apprezzati. Gesù è così diverso da noi…non cerca nel mondo l’onore, non fa cose che lo fanno essere simpatico, anzi.Vediamo come è diverso da noi quando invece di cercare l’appoggio dei potenti scribi e farisei del tempio, li attacca e li chiama sepolcri imbiancati, falsi e ipocriti.
Scopriamo che ama gli ultimi, quelli scartati da tutti, quelli che per molti meritano di morire in solitudine come i lebbrosi, proprio da quegli uomini che temono di essere contagiati dalle malattie del corpo.

Vediamo che la Maddalena e tanti altri peccatori, anche degli indemoniati, sono guariti e perdonati da Gesù, mentre noi siamo sempre pronti al giudizio.
Alla fine di questo vangelo, troviamo le istruzioni per chi vuole appartenere a Cristo: costruire con Gesù, la nostra vita.Impegniamoci per fare della stessa uno specchio su cui riflettere la parola di Dio, vissuta in semplicità e preghiera. Non piacerà a chi cerca specchietti per le allodole, ma abbaglierà che volge lo sguardo verso Dio.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.