domenica 1 maggio 2011

(Gv 3,1-8) Se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio.

VANGELO
 (Gv 3,1-8) Se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio.

+ Dal Vangelo secondo Giovanni

Vi era tra i farisei un uomo di nome Nicodèmo, uno dei capi dei Giudei. Costui andò da Gesù, di notte, e gli disse: «Rabbì, sappiamo che sei venuto da Dio come maestro; nessuno infatti può compiere questi segni che tu compi, se Dio non è con lui». Gli rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce dall’alto, non può vedere il regno di Dio».
Gli disse Nicodèmo: «Come può nascere un uomo quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di sua madre e rinascere?». Rispose Gesù: «In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio. Quello che è nato dalla carne è carne, e quello che è nato dallo Spirito è spirito. Non meravigliarti se ti ho detto: dovete nascere dall’alto. Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai da dove viene né dove va: così è chiunque è nato dallo Spirito».

Parola del Signore
-------------------------------------------------------------------------------------
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA

Vieni o Spirito Santo e fermati su di me,fammi rinascere come tu vuoi,illuminami come tu sai e fa che possa capire che cosa vogliono dire le parole di Gesù.

Rinascere dall’alto,o nascere in acqua e spirito, la cosa qui sembra veramente molto complessa e difficile da capire.Io ho una mia lettura,che chiaramente è solo mia e non vuole essere legge,è anche difficile da spiegare come io la intendo,ma ci proverò,prendendo in prestito le parole di un mio amico carissimo,affetto da S.L.A. che io ho sempre sentito mie,come se lui riuscisse a spiegare semplicemente quello che io provavo.:-- La luce che avvolge le anime è indescrivibile,senti solo la felicità,siamo soli con Dio,soli e insieme ad altre anime.E’ tutto vero sai,siamo parte del creato e le anime dell’universo devono ricomporsi in Dio,come se Dio ci ha donato un po’ di Sé,almeno quando andiamo in viaggio,non ci perdiamo.—
Una parte di Se,si è questo che io ho sempre pensato,che in noi,quella sua immagine e somiglianza-sia un pò di Dio che abbiamo in noi,perché altrimenti non mi spiego come mai senza Dio, ci manca sempre qualcosa.
Io non voglio più allontanarmi da quella parte di Dio che è in me,anzi ,più la curo,più la vivo e più sento che sta diventando una parte importante di me.Sento che è la mia parte giusta,quella fatta di luce e di amore,che ho cercato di soffocare per anni per far vivere quell’altra parte di me fatta di egoismo e di tante altre cose che in fondo non mi hanno mai dato ne' la felicità,ne' la serenità.
Questa parte “di Dio”che io definisco la parte che porta in se il seme della vita,è invece sempre amore e luce,anche nel dolore,nella sofferenza,nella tribolazione,perché c’è un luogo nel mio cuore,che è pieno di luce e che va oltre tutto quello che è terreno,va verso la speranza ,oserei dire la certezza,che oltre la terra c'è un mondo meraviglioso che ci aspetta.
Per chi non la conosce,metto qui sotto la storia di Fausto,questo amico la cui vita è vangelo,la cui croce è portata con tanto amore e tanta fede,che veramente ci può insegnare tantissimo.
http://www.facebook.com/note.php?note_id=174713976418

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.