domenica 17 aprile 2011

Mc 4,35-41 Chi è costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?

Vangelo

Mc 4,35-41 Chi è costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel medesimo giorno, venuta la sera, Gesù disse ai suoi discepoli: «Passiamo all’altra riva». E, congedata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui.
Ci fu una grande tempesta di vento e le onde si rovesciavano nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che siamo perduti?».
Si destò, minacciò il vento e disse al mare: «Taci, càlmati!». Il vento cessò e ci fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché avete paura? Non avete ancora fede?».
E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, che anche il vento e il mare gli obbediscono?».

Parola del Signore
------------------------------
LA MIA RIFLESSIONE

PREGHIERA
Signore mio,donami la tua luce,per capire come applicare nella mia vita la tua parola,perché possa portarti con me nella vita di tutti i giorni.Amen.


Questa pagina del vangelo,ha molte sfaccettature,guardiamo per prima cosa il fatto in se stesso:c’è una barca sulla quale far salire Gesù,immaginiamo che questa barca sia la nostra vita e viviamola con Gesù nel cuore.Poi vediamo che Marco ci parla anche di altre barche che si trovavano in quel mare,e che andavano tutte dalla stessa parte,verso l’altra sponda;questo mi fa pensare ad altre persone che come noi cristiani vivono la loro vita cercando di andare verso l’altra sponda come noi.Poi arriva la tempesta,e qual è quella vita in cui non c’è qualche difficoltà,più o meno grave.
Avere Gesù nella propria vita,non ci rende ummuni da momenti difficili,o addirittura da croci che sembrano insormontabili,perché Gesù non è un amuleto,o un portafortuna,ma come vediamo nella scena che l’evangelista ci presenta, nella difficoltà,i discepoli lo chiamano,lo invocano,gli chiedono aiuto.
E gli altri,quelli che non sono sulla barca con lui,gioiscono anche loro dell’interveno divino,non vengono esclusi,eppure Gesù comanda la natura,ordina alle acque di chetarsi,poteva farlo solo per la sua barca,ma è evidente che non vuole escludere nessuno.
La domanda dei discepoli: “Maestro,ma non ti importa se siamo perduti?” Non rimane senza risposta,è in quel momento che Gesù interviene solo dopo la richiesta dei discepoli. Il libero arbitrio che Dio ci ha dato,la liberta’ di decidere spingono Gesù ad intervenire nella nostra vita solo dopo la nostra richiesta,dopo la nostra preghiera e ci chiede perché abbiamo paura se lui è nella nostra vita,non abbiamo forse abbastanza fede?
E’ infatti questo il punto,se il Signore guida le nostre azioni,la nostra vita,non dobbiamo temere nulla,non sarà il mondo terreno quello a cui faremo riferimento ,ma il regno dei cieli che è già entrato a pieno diritto nella nostra vita.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.