giovedì 21 aprile 2011

(Mc 12,28-34) Il Signore nostro Dio è l’unico Signore: lo amerai.

VANGELO
 (Mc 12,28-34) Il Signore nostro Dio è l’unico Signore: lo amerai. 
+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, si avvicinò a Gesù uno degli scribi e gli domandò: «Qual è il primo di tutti i comandamenti?». 
Gesù rispose: «Il primo è: “Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l’unico Signore; amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza”. Il secondo è questo: “Amerai il tuo prossimo come te stesso”. Non c’è altro comandamento più grande di questi». 
Lo scriba gli disse: «Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all’infuori di lui; amarlo con tutto il cuore, con tutta l’intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocàusti e i sacrifici». 
Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: «Non sei lontano dal regno di Dio». E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

Parola del Signore
___________________________________________________________________

LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Vieni o Spirito Di Dio ,vieni in me e su di me,vieni a fare di me una tua cosa,a darmi il tuo alito di vita,la tua scienza e la sapienza.Vieni a prendere in me il posto che ti spetta,ed usami come più ti piace.

Anche oggi Gesù ci da un insegnamento che sembra dire:"tutto gira intorno all'amore"
Infatti alla domanda dello scriba risponde,come risponde a tutti noi,che due sono i comandamenti che bisogna osservare,quelli principali,che racchiudono tutti gli altri.
AMARE DIO con tutto il cuore,mettendolo quindi al di sopra di ogni altro amore,di ogni altra cosa,e vivere per fare la sua volontà....
AMARE IL PROSSIMO come Dio stesso ci ama tutti e come vorremmo fosse fatto a noi.
A volte le persone pensano che per avvicinarsi a Dio,occorra una preparazione dottrinale,una sapienza eccelsa,ma non è così; basta accettare di credere in Dio,mettersi al suo cospetto con umiltà e sincerità e allora sarà Dio stesso a prendersi cura di noi,a guidarci verso di Lui con un amore così grande da poterlo quasi toccare con mano.
Sta a noi lasciarci andare,lasciarci abbracciare da questo amore grande e farsi plasmare da Lui,con tranquillità e fiducia,tenendo presente che su questi due comandamenti si basa tutta la nostra fede e che questi sono quelli che ci debbono guidare.


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.