giovedì 21 aprile 2011

Lc 11,14-23 Chi non è con me è contro di me.

Vangelo 

Lc 11,14-23  Chi non è con me è contro di me. 

+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù stava scacciando un demonio che era muto. Uscito il demonio, il muto cominciò a parlare e le folle furono prese da stupore. Ma alcuni dissero: «È per mezzo di Beelzebùl, capo dei demòni, che egli scaccia i demòni». Altri poi, per metterlo alla prova, gli domandavano un segno dal cielo. 
Egli, conoscendo le loro intenzioni, disse: «Ogni regno diviso in se stesso va in rovina e una casa cade sull’altra. Ora, se anche satana è diviso in se stesso, come potrà stare in piedi il suo regno? Voi dite che io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl. Ma se io scaccio i demòni per mezzo di Beelzebùl, i vostri figli per mezzo di chi li scacciano? Per questo saranno loro i vostri giudici. Se invece io scaccio i demòni con il dito di Dio, allora è giunto a voi il regno di Dio.
Quando un uomo forte, bene armato, fa la guardia al suo palazzo, ciò che possiede è al sicuro. Ma se arriva uno più forte di lui e lo vince, gli strappa via le armi nelle quali confidava e ne spartisce il bottino.
Chi non è con me è contro di me, e chi non raccoglie con me, disperde».

Parola del Signore 
_____________________________________________________________________
LA MIA RIFLESSIONE
PREGHIERA
Io voglio essere con Te Signore mio,aiutami,fa che il Tuo Santo Spirito,sia sempre su di me,perchè la mia scelta di vita sia una sola e per sempre,con te,per te e da te mi venga ogni cosa,ti amo Gesù e ti desidero nell'anima mia.Amen.

Spesso Gesù ci ripete che non ci sono alternative possibili oltre alla scelta definitiva verso di lui...non ci sono,è inutile che noi uomini cerchiamo scorciatoie o stratagemmi,per farci una fede di comodo,la parola di Dio è una e se noi seguiamo quella non possiamo sbagliare.
Nel brano di oggi,Luca ci parla di un diavolo che aveva reso un uomo muto,impossessandosi di lui;per un attimo riflettiamo su questo.
La parola,dono di Dio,che ci viene tolta da satana...sembra una cosa dell'altro mondo?
No amici,troppo spesso neanche ce ne accorgiamo,ma è così,i figli non parlano con i genitori,non gli comunicano i loro pensieri,i loro problemi...si isolano..e comincia così una specie di mutismo parlato,fatto di frivolezze e bugie,e nessuno legge tra le righe le cose non dette......................
E gli anziani?Le loro paure?Le loro piccole manie di una vita?Dove sta scritto che un anziano dovrebbe stare fermo li' e non rompere...non parlare .....non ripetere sempre le stesse cose,magari per colpa dell'alzheimer ....
Per non parlare poi dei rapporti tra coniugi,che iniziano quasi sempre con la condivisone di tutto e finiscono con la spartizione di quello che resta tra le macerie di un campo di battaglia...
La vita oggi è frenetica,si corre per fare,per creare,ed invece si distrugge tutto quello che di valore abbiamo veramente...l'AMORE.
Per questo amici,la nostra scelta deve essere definitiva,e verso Dio,perchè tutto quello che non viene da Dio,ci allontana dall'amore,e solo quello che porta a Dio,ci fa comprendere ed apprezzare l'Amore.
Ora torniamo al Vangelo,e vediamo che le folle furono prese da stupore,ma qualcuno tra loro,cercava di attirare l'attenzione non su quello che avevano visto operare da Gesù,ma cercavano di spostarla altrove,cercavano di insinuare dei dubbi.....
E' satana che torna alla carica,dopo aver tentato Gesù nel deserto,ora tenta gli uomini,gli fa chiedere segni...lo stesso che aveva fatto con Gesù..ma gesù aveva risposto a tono,e noi dobbiamo fare altrettanto,se vogliamo fare questa scelta definitiva.Va indietro satana,tu e tutte le tue lusinghe,tu e tutti i tuoi trucchi,le tue domande,i dubbi che mi insinui nella mente,tu e tutte le divisioni che crei.
Va via satana dal mio mondo,vai via con la tua corruzione,con la tua malafede,con la tua ingiustizia e la tua sete di potere.
Io non voglio essere tua schiava,non voglio vincere a tutti i costi in una discussione,ma voglio parlare,anche con il mio nemico,perchè è mio fratello.
Io non voglio trincerarmi dietro uno schieramento e fare guerra agli altri,non voglio giudicare,perchè tutti abbiamo le nostre colpe,ed invece di criticare un fratello dietro alle spalle,voglio avvertirlo guardandolo negli occhi dell'errore che secondo me sta facendo,senza cattiveria,perchè Gesù mi dice di correggere il fratello che sbaglia,di aprirgli gli occhi,e lo posso fare solo con il mio amore.
E voglio imparare ad accettare le critiche dei miei fratelli,perchè tra noi ci sia sempre e soprattutto dialogo costruttivo.
Scegliamo quindi definitivamente la via dell'amore!
. 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.