lunedì 25 aprile 2011

(Gv 10,31-42) Cercavano di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.

VANGELO
(Gv 10,31-42) Cercavano di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani. 
+ Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, i Giudei raccolsero delle pietre per lapidare Gesù. Gesù disse loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre: per quale di esse volete lapidarmi?». Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per una bestemmia: perché tu, che sei uomo, ti fai Dio». 
Disse loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: “Io ho detto: voi siete dèi”? Ora, se essa ha chiamato dèi coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio – e la Scrittura non può essere annullata –, a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo voi dite: “Tu bestemmi”, perché ho detto: “Sono Figlio di Dio”? Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi; ma se le compio, anche se non credete a me, credete alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me, e io nel Padre». Allora cercarono nuovamente di catturarlo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
Ritornò quindi nuovamente al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui rimase. Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha compiuto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero». E in quel luogo molti credettero in lui.

Parola del Signore
__________________________________________________________

LA MIA RIFLESSIONE

PREGHIERA

Signore ti prego di starmi vicino col tuo Santo Spirito,di illuminare la mia mente ed il mio cuore e di guidare i miei passi
.
Ogni cosa intorno a Gesù si fa sempre più chiara,anche l'ostinazione verso di lui,comincia ad assumere nuovi contorni,e mentre loro,i farisei,cercano falsi pretesti per farlo incriminare e per farlo uccidere,lui parla con parole di verità,citando la sacra scrittura,e facendo vedere come le sue parole ,le parole di Dio e le opere che Lui compie,siano strettamente legate-
Questo è per noi un segnale inconfutabile,anche la nostra vita,da figli di Dio,come quella di Gesù,non può essere altro che un'adesione alla sua parola,ma per farci riconoscere ,per riflettere la sua luce,la nostra adesione deve essere completa e sincera.
Non è un lavoro semplice,e non dipende solo da noi,ma da quanto riusciamo ad aderire al progetto di Dio,ed in base a questo,Lui farà il resto,e ci cucirà addosso grazie su grazie.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.