mercoledì 24 novembre 2010

Vide una vedova povera, che gettava due monetine. Lunedi 22 Novembre 2010

Vide una vedova povera, che gettava due monetine. 
  • VANGELO (Lc 21,1-4)
    Vide una vedova povera, che gettava due monetine.
    Dal Vangelo secondo Luca
    In quel tempo, Gesù, alzàti gli occhi, vide i ricchi che gettavano le loro offerte nel tesoro del tempio. Vide anche una vedova povera, che vi gettava due monetine, e disse: «In verità vi dico: questa vedova, così povera, ha gettato più di tutti. Tutti costoro, infatti, hanno gettato come offerta parte del loro superfluo. Ella invece, nella sua miseria, ha gettato tutto quello che aveva per vivere».
    Parola del Signore
    --------------------------------
    LA MIA RIFLESSIONE
    PREGHIERA
    Signore Gesù, invia il tuo Spirito, perché ci aiuti a leggere la Scrittura con lo stesso sguardo, con il quale l' hai letta Tu per i discepoli sulla strada di Emmaus. Con la luce della Parola, scritta nella Bibbia, Tu li aiutasti a scoprire la presenza di Dio negli avvenimenti sconvolgenti della tua condanna e della tua morte. Così, la croce che sembrava essere la fine di ogni speranza, è apparsa loro come sorgente di vita e di risurrezione. Crea in noi il silenzio per ascoltare la tua voce nella creazione e nella Scrittura, negli avvenimenti e nelle persone, soprattutto nei poveri e sofferenti. La tua Parola ci orienti, affinché anche noi, come i due discepoli di Emmaus, possiamo sperimentare la forza della tua risurrezione e testimoniare agli altri che Tu sei vivo in mezzo a noi come fonte di fraternità, di giustizia e di pace. Questo noi chiediamo a Te, Gesù, figlio di Maria, che ci hai rivelato il Padre e inviato lo Spirito. Amen.

    Gli occhi di Gesù si posano su una vedova che timidamente entra nel tempio e fa la sua offerta, frettolosamente, mestamente, come chi sa che sta dando poco al Signore, ma che può dare solo quello, perché non ha altro.
    Non voglio soffermarmi con voi a riflettere su chi da di più, su chi non da mai abbastanza, ma voglio essere con voi la povera vedova che non sa neanche come arriverà alla fine della giornata, ma mette tutto quello che è a disposizione di Dio.
    Non sappiamo cosa è scritto nel libro della vita per noi.Noi a volte ci sentiamo miseri di tutto, senza nessuna possibilità, senza nulla da poter donare...ma non è così, non lo è mai.
    In ognuno di noi c'è un miracolo vivente, che può trasformarsi in grazia per un altro fratello. A volte basta un sorriso, una carezza, un orecchio prestato all'ascolto, una mano a portare la busta della spesa, un passaggio in auto...mille piccole cose che possono rompere il muro della solitudine di tante persone.
    Siamo qui, su internet e mai come in questo network, troviamo delle persone che hanno bisogno di non sentirsi sole, chi per un motivo chi per l'altro, e che trovano qui un po' di compagnia.
    La povera vedova rappresenta la parte debole di una società che spesso emargina chi è meno fortunato, e noi sappiamo che c'è anche chi vive proprio fuori dei margini, c'è chi ha fame, quella vera, quella che per la quale un pugno di riso rappresenta la sopravvivenza, ma noi siamo distratti da un altro tipo di mondo, quello sfavillante delle luci e degli addobbi che si prepara al Natale, siamo attirati dalle vetrine piene di bell'abbigliamento e di regali e se vediamo un barbone coperto di stracci, volgiamo lo sguardo altrove.
    Come siamo poveri Signore mio,abbiamo un animo arido ed impregnato del nostro egoismo,posa il tuo sguardo su di noi e trasforma il nostro piccolo cuore di pietra in un cuore di carne per imparare ad amare ,per riempirci del tuo amore. Grazie, amen.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.